stremata da vene e labbra

stremat

Soundtrack: vale sempre Surrender dei brand new heavies

 QUESTO POST VIENE PUBBLICATO SOTTO COERCIZIONE DI ALICE E R** CHE SONO ENTRATE NEL MIO BLOG E HANNO ANCHE SCELTO LA FOTO.

Ma io ti sento.

Anche se non so dove sei. Anche se non allungo la mano per saperlo, Anche se ascolto i consigli saggi del Generale Patton e mantengo la mia posizione con le unghie e con i denti.

Meravigliosa dimensione, la fantasia.

Nelle fantasie sono un gigante che gioca con le tue perplessità. Un mastermind che si diletta a rigirare tra le dita le involuzioni del tuo mondo verbale.

Fantasie.

Corpi.

Pelle.

Sangue.

Sfioro le vene delle guance. Seguo i profili a tratti appuntiti a tratti stupefacentemente morbidi. Non voglio guardare, voglio memorizzare con le mani. Non è l’immagine che cerco, è la durevole memoria di una sagoma percorsa atomo dopo atomo con le dita delle mie mani. Quella non si dimentica.

Ti ghiacci?

Ho le mani calde. Qualche minuto ancora e l’acqua può cominciare a scivolare sul pavimento.

Ti avvolgo di spalle. Non è il caso di mettere paura, ne abbiamo abbastanza da superare anche così.

Quanto ci metti ad allungare il collo e rovesciare la testa? quanto?

Quanto ci metto io ad infilarmi nella scollatura che concedi con troppa parsimonia?

Il tempo necessario per vederti chiudere gli occhi.

Togliere il troppo non è mai facile. E’ una alchimia delicata di tempi e flessibilità. Non si può spezzare il momento o tutto è perduto.

Movimenti leggeri, precisi, balistici, equilibrati. Lenti.

Le collane restano, sono un gioco interessante per gatte curiose.

Il resto può scomparire nel nulla e senza educazione.

Ho il peso del tuo calore tra le mie braccia e i tuoi capelli sulle mie spalle.

E’ un rito animale, mi porgi il collo teso e bianco. Ti arrendi. Ho le vene sotto i denti. Non morderò, non ancora.

Attraverso ogni scanalatura, assaggio i confini di ogni territorio a mia disposizione. Abbastanza da stimolare la tua gola e sentire i primi suoni possibili. Quelli che sfuggono bassi, sussurrati, timidi, spezzati.

Mi vuoi di fronte, lo so. Ma non ci sono ancora. Probabilmente non ci sarò. Resto nascosta e divento solo mani e labbra e lingua e braccia. Sono quello che tu vuoi.

E quando la richiesta della tua voce diventerà quello che io voglio, esattamente quello che voglio, asseconderò le tue preghiere con mani che non conosci, con movimenti che non conosci, con un piacere che non conosci.

Da qui posso giocare con quello che mi sta aspettando e posso giocare fino a sfinirti.

Posso insegnarti cosa fare con la carne che urla, cosa fare con il sangue che scorre e vibra, cosa fare con due dita di esperienza.

Resta appoggiata sul mio petto, restaci e spingi forte fino a farmi tremare i muscoli delle braccia. Resta e quando sarai costretta ad allungarti e piegare la tua schiena io sarò il tuo muro caldo.

E voglio sentire la voce. Voglio ascoltare il piacere tra le dita e tra le orecchie senza freni e senza censure. Voglio restare immersa nelle onde meccaniche e sonore del tuo piacere fino ad assordarmi mentre affondo i denti nelle vene del collo.

L’ultima scossa elettrica che ti attraversa, colpisce le mie mani che ti appoggiano sul letto. Lentamente, delicatamente, con cura. Tiro su la coperta.

Hai sete?

 

 

 

 

21 thoughts on “stremata da vene e labbra”

  1. farlo restare nella polvere e tra i byte sarebbe stato un peccato.capitale.infatti secondo me sono 8.Ottavo:Vergogna. ti abbraccio e ti faccio fare un giro di lento come alle medie.come stasera!

  2. Ok, prendo un po d’acqua per tutti?! io sto già bevendo…cavolo, Penny…primo: mi hai fatto venire una certa fame più che sete; secondo: mi sono sentita una guardona dal buco della serratura…ma un gran post! Davvero dolce, sensuale, delicato!

  3. …e oh, tu avrai i tuoi tempi, ma io ho i miei. Io leggo la mattina appena posso e poi basta.
    E’ un pezzo straordinario come molti, e questo devo farlo leggere per forza alla mogliera. Ma leggerlo con il collega che nella stanza a fianco strilla con il collega polacco parlando inglese con forte accento napoletano toglie un pò di poesia.😦

  4. Beh le lesbiche non so (penso di sì, immagino di sì) le etero sanno esserlo così sensuali e sessuali. Non credo che il sesso distingua veramente i sessi (gioco di parole non voluto), penso sia un modo di esprimersi. Però noto che molte donne hanno la capacità di essere erotiche nel loro scrivere, mentre per gli uomini è più raro. Gli uomini di solito sono pornografici, le donne non solo (sed etiam, se vogliono e quando vogliono).
    Continuo a leggerti Penè e continuo a trovarti interessante… (so che non te ne pò fregà de meno ma va bene lo stesso😉 ).

  5. Ti rileggo, ascoltando “Like the way i do” di Melissa Etheridge e fuori nevica. Mi stai portando oltre i confini e, disorientata, ti chiedo di farmi ancora sognare, fantasticare…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...