Aggiornamenti

Soundtrack – Niente, perché con la chiavetta è complicato.

Ebbè, manco da molto.

E molte cose sono cambiate.

Immagino non solo per me.

Recalcitrante ho traslocato. Mi sono spostata al centro storico de lu paese. Ho una casetta con il terrazzino sui tetti. Come la desideravo.

Sarà stato il mio undicesimo trasloco, credo. Il peggio organizzato. Il più difficile.

La porta rotta, le utenze staccate, l’acqua che arriva il giorno del trasloco, troppi mobili, i primi giorni aggredita e divorata da insetti fastidiosissimi, impossibile avere la linea telefonica perché mancano linee disponibili, una cosa da secolo scorso; temperature infernali (asteco e cielo, si dice a Napoli; sopra di me solo le tegole) fino a 30 gradi nella stanza da letto di notte. Poi la febbre. Con 38 e mezzo non ho corso rischi di colpi di calore, devo dire.

Dicono che questo sia un brutto “quartiere” (come cazzo fanno a chiamarlo quartiere non lo so, sarà che per ognuno le dimensioni son personali e soggettive) e che non devo dare “confidenza a nessuno”. Ho risposto che vengo da Napoli, non da Stoccolma.

Ho naturalmente finito i soldi troppo presto.

Ma questa è la casa che volevo, credo da sempre e realizzo che, come al solito, non riesco a godere di quello che riesco ad ottenere. Che fa anche rima.

La R* ha detto che è una “nido sui tetti”, Biancaneve ogni volta che viene immagina nuove soluzioni di arredamento (ben sapendo che tanto farò di testa mia), il docfab è già venuto 4 volte,  e il tutto non è ancora come lo vorrei. Ma ci arriverò.

Di giorno le voci dal vicolo, gente affacciata alla finestra che parla al telefono, giovanissime madri che bestemmiano contro figlie di un anno e anziane signore che dispensano consigli. Nel palazzo odore di cipolla e aglio, bambine (con evidenti difficoltà di linguaggio) che pascolano nell’atrio, signore che non si fanno i cazzi propri. Le urla delle rondini che volano velocissime a caccia di cibo, piccioni che mi guardano con le loro facce di gesso dalla finestra del bagno. Una finestra piccola piccola con un bellissimo panorama. A volte immagino ci sia il mare, lì in fondo, e mi piace anche di più. Di notte si sente russare, le scorregge dei vicini, i colpi di tosse, uno di quei campanellini che suonano al vento, qualche macchina di tanto in tanto. Ho comprato un’amaca. Ci ho dormito una notte per disperazione.

Penso alla casa di prima e i suoi inverni gelati.

Pare che l’equilibrio non sia nel mio karma. Una cosa che non va ci deve stare per forza. A ricordarmi che niente è mai veramente facile e che niente può essere “perfetto”.

Naturalmente la sede di Monterotondo del centro dove lavoro chiude a dicembre. Pare ci sposteremo a Roma.

Per mia scelta non sono più rappresentante sindacale. E’ stato un periodo troppo faticoso quello, troppo costoso. In salute e affetti. Ci ho perso molto, davvero molto. Ma mi è difficile stare al mio posto ora, difficile contenere la rabbia e la voglia di fare qualcosa.

Ci sono varie cose in gioco. Certo, tutte molto egoistiche (marò che parola orrenda e obsoleta questa).

Questo centro è un’oasi assoluta. Poco controllo, molta autarchia, rapporti rilassati, piccole anarchie che alleggeriscono e non danneggiano, ambiente protetto, ecosistema perfetto. Difficile pensare di perderlo per andare a finire in un miserabile lager dove vige la regola del sopruso e della burocratizzazione. E del controllo. Eccheppalle.

E questa è la parte personale.

Poi c’è la parte che riguarda i pazienti. Deportati in un’altra sede. Alcuni dopo oltre 5 anni di terapia sotto casa.

Pacchetti da spostare. E sticazzi alle rivoluzioni che dovranno fare nelle proprie vite e nelle proprie organizzazioni.

Caratteristica del gruppo dirigente di questo centro è, senza dubbio, l’incapacità di considerare l’altro da sé. Una forma di autismo direi.

Bah. Vedremo.

Poi c’è tutto il resto. La paura che ho della “spending review”, il disgusto che mi fa l’utilizzo di parole in inglese per coprire lo schifo che significano in italiano. La paura che ho per questo paese, per i nostri destini (noi, quelli da 1000 euro al mese, quelli che ancora non hanno trovato un lavoro e non ne troveranno, quelli che lo perderanno a 50 anni, quelli che non hanno le stimmate per avviare la moltiplicazione dei pani e dei pesci, quelli che camminano da 10 anni sull’orlo della fossa comune senza cadere e non sanno ancora per quanto potranno mantenere l’equilibrio, quelli che non ce la facevano da soli ma che da soli resteranno, quelli che hanno faticato per un futuro migliore e si trovano questo cazzo di futuro qui).

C’è un po’ di vento oggi in casa. Finalmente posso tenere spenti i ventilatori. E’ piacevole. Le zanzariere di fortuna sventolano lievemente. E’ bello da vedere.

La gatta Penelope, sopravvissuta anche a questo trasloco, si lascia pulire il pelo con sporadiche proteste e si abbatte sulla poltrona per dormire le sue 23 ore giornaliere. La guardo e penso che è sempre qui. Ancora. Dopo 22 anni. Mi commuove guardarla negli occhi.

Le tegole rosse della palazzina di fronte e le grondaie mi mettono una malinconica allegria.

Vado a sistemar.

Buongiorno a voi che ancora passate di qui e, in particolare, un abbraccio a Mah, lettrice e amica che, di tanto in tanto, mi richiama all’ordine con dolcezza.

Annunci

La giostra

Soundtrack: JonquilIt’s My Part

Ricomincia.

Volendo c’è un che di divertente.

Volendo.

Cerco casa. Di nuovo. A volte credo non troverò mai un posto definitivo dove stare.

A volte.

Sarebbe meglio ci facessi pace, sono arrivata a 49 e non ho un posto definitivo, usare “a volte” mi pare una stronzata autoconsolatoria.

Oddio wordpress ha cambiato tutto e non ci capisco un cazzo.

Ho aperto penelopebasta per mandare un saluto a chi passa, mi è venuta voglia di scrivere ma questo nuovo aspetto di wp mi avvilisce.

Per il resto questo paese va come va.

Omofobico, prepotente, misogino, crudele, menzognero, servile. Son cose che sappiamo tutti.

Nel posto dove lavoro ogni cosa appare come nel resto di questo paese.

Dirigenti incapaci, soverchie scaldasedie aggrappate ad un miserabile potere che si esercita solo ed esclusivamente attraverso la sopraffazione del più debole, parassiti desiderosi di aspirare peti dai culi supposti potenti abbarbicati alla peluria anale dei suddetti. E una marea di persone di umana connotazione che cercano di fare il proprio lavoro, meritarsi uno stipendio, barcamenarsi in un tunnel immaginando un’uscita che non è affatto detto ci sia.

Siamo in Italia, appunto.

Faccio quello che posso. Pratico atteggiamento zen di fronte (ma anche di lato, davanti e dietro) agli attacchi inutili e miseri che arrivano da ogni parte. Ho le mie forbicine e mi ritaglio spazi bidimensionali che, per ora, tengono.

Scrivo poco di Biancaneve e delle nostre montagne russe chilometriche. Siamo appena uscite da un giro della morte e non so quando arriverà il prossimo. Il suo sorriso e i suoi occhi brillanti mi emozionano ancora come 3 anni fa. E questa è una buona notizia, da non dare per scontata.

La menopausa avanza con i suoi tipici momenti di prepotenza umorale. E faccio bilanci. E non è una buona cosa. Quando si fanno bilanci si pesano cose che, per anni, peso non ne hanno avuto. Ma su quel piatto diventano barili pieni di piombo. Non si capisce perché. Improvvisamente mi chiedo perché nella mia vita ho gettato danaro in quantità industriale dalla finestra invece di farne un tetto, una pensione, una assicurazione, un investimento, una cosa di queste sagge e oculate. E’ una domanda totalmente inutile, ma mi ha pervaso e invaso per giorni. Io so esattamente perché non l’ho fatto. Ma la memoria di certe scelte, in alcuni momenti, va perduta come l’acqua in una bottiglia bucata.

Resto con gli occhi sbarrati nel letto chiedendomi come ho fatto a non costruire un cazzo e a ritrovarmi senza niente a 50 anni quasi. Poi mi ricordo che, questa domanda, se la fa qualunque donna in menopausa sulla faccia della terra. Qualunque cosa abbia e qualunque cosa non abbia. Allora cerco di ricordare cosa ho e non cosa non ho. E, a dire il vero, non mi viene in mente un cazzo. Tant’è.

Nella mia vita ho fatto quello che ho voluto, lo ripeto spesso ed è vero. Questo è già molto. E ho imparato a volermi bene. E questo è moltissimo. E sono capace di amare. E questo è oltre ogni ragionevole aspettativa. E sono amata. E qui non ci sono superlativi da utilizzare, non sono previsti tali livelli nella lingua italiana.

In questo delirio autoconsolatorio, mi girano le palle pensando al mio decimo trasloco ( o undicesimo, non ricordo).

Da tempo non compro arredamento, fa volume e pesa negli spostamenti.

Butterò via di nuovo qualcosa. Lo faccio sempre.

Vediamo come va.

Buonanotte

Trasloco e Cassa Integrazione

Soundtrack: Devendra Banhart Can’t Help But Smiling

Ho cambiato casa.

Vivo a Monterotondo, adesso, in una casa affettuosamente denominata “loft”.

E’ grande e malleabile. Da aggarbare con gioia.

Sono state settimane convulse e asmatiche.

E’ vero, non ho più molte cose lesbiche da dire. Ho da parlare di miserie italiane e guerre quotidiane che condivido con il 60% della popolazione.

Almeno sono passata da una minoranza ad una maggioranza.

Mi rifiuto di aggiungere un aggettivo quale che sia.

E, comunque, appartenere ad una categoria, alla fine non è una gran bella cosa. Ha i suoi pregi ed i suoi limiti.

Certo, in quanto lesbica, non posso finire in cassa integrazione.

In quanto logopedista operante nel lazio, sì.

Oh bè, son nervosetta.

Parliamo prima delle belle cose.

Questa casa è sociale, è solo mia, è grande, mi fa venir voglia di trovare quelle soluzioni McGyver che ho sempre profondamente amato. Non ne ho preso ancora del tutto possesso, ma ci sono quasi.

Monterotondo, tutto sommato, è uno di quei posti piccoli ma non troppo, dignitosi e autosufficienti che mi piacciono. Se ci fosse il mare…

Il tempo è autunnale, questa grande finestra si apre sugli alberi e un pezzettino di campagna oltre la strada. Va bene così.

Quello che mi porto dietro, da dieci traslochi a questa parte, mi basta per l’essenziale.

La gatta Penelope è talmente abituata, ormai, che non si lamenta neanche più. Amore di gatta vecchia. Sempre più highlander.

A Biancaneve questa casa piace molto, abbiamo qualche incompatibilità nella concezione di arredamento, ma si riesce a mediare. E mi piace che ci sia la sua mano e la sua impronta intorno a me. Mi rilassa.

Inutile dire che la proprietaria di questa casa è lesbica, secondo me, come del resto la sua amica, l’agente immobiliare e la socia dell’agente immobiliare. Un lesbicaio. Tutta Monterotondo mi pare un lesbicaio, però. Forse il mio gaydar si è incantato.

Poi il resto.

Il centro chiude, almeno quello che ho a 80 metri da casa mia. Verremo transumate a Roma, a pochi minuti da dove abitavo prima.

E’ karma questo.

Nel frattempo, nel tentativo si mantenerlo aperto, questo posto, mi ritrovo a conoscere politici vari ed eventuali. Ed ho scoperto cose che non mi aspettavo affatto.

Che sono raggiungibili, questi politici, che non ci vuole molto ad incontrarli e parlarci e chieder qualcosa. Ci vogliono meno dei famosi 6 gradi di separazione.

E che, per la maggior parte, sono viscidi; sono venditori, agenti di commercio e burini ripuliti pure male. 

Qualcuno si salva. Ma pochi.

Lumache che mostrano i muscoli. Muscoli fatti con i pezzi di carta segnati con la croce fatta con la matita copiativa.

Evidentemente per fare politica bisogna essere dei vermi dentro e fuori. Vabbè.

In questa tempesta di vento, cerco di mantenere rapporti e creare conoscenze in vista di un futuro diverso, fatto di qualcosa che sogno e desidero e fatto di qualcosa che serve e migliora la vita.

Forse va in porto, forse no.

Ci toccherà, se non riusciamo a trovare qualche soluzione alternativa, una Cassa Integrazione Straordinaria in Deroga per un mese e mezzo.

L’idea non mi piace.

Prenderò la CIGS come una vacanzetta. Un mese e mezzo di farniente.

Nel frattempo cerchiamo, sindacalmente parlando, di opporci, e scopro che non c’è modo di opporsi a una mazza di niente. Proprio.

Eppure sarebbe logico poter far qualcosa per difenderci. Non siamo mica schiavi, siamo persone che lavorano. Nel mio caso non si può dire che siamo produttivi, però.

Vedremo cosa fare.

Forse vi terrò aggiornati.

Oggi è venuto il docfab a vedere la casa.

Son contenta.

Intorno a me le cose cambiano. Velocemente.

Dentro pure.

Alla prossima

 

 

 

Rami secchi, affetti lessicali, trasloco 10

Soundtrack: Sofa Surfers – Say Something (non ce l’ho, sentitevelo su last.fm qui)

Quindi si andrà a Monterotondo.

Non ci sono alternative. Non riesco a trovare qualcuno per questa casa. Eppure è carina.

E si rende necessaria la potatura. Definitiva.

Essendo io, fondamentalmente, una Lesbica_Banana, se ho un affetto, è fiducioso e sufficientemente incondizionato. Così mi servono molto tempo e molte, molte prove di inutilanza, per staccarmi e tagliare.

D’altra parte sono un po’ stanca di sentire dichiarazioni che appaiono politiche più che affettive. Bisogna prendere atto che dietro le chiacchiere non c’è nulla che le chiacchiere stesse. Ne ho avute troppe prove in questi giorni, per continuare ad ignorarle.

C’è chi finge desiderio di chiarezza per nascondere una furba pigrizia e una genetica inconcludenza, c’è chi finge interesse a distanza e non si interessa alla vicinanza, c’è chi promette momenti di comunanza dei quali poi, perde la memoria, c’è chi dichiara affetto smisurato per nascondere invadenza e compulsivo bisogno di controllo e sadomasochismo.

Sto imparando a fingere anche io. Sto imparando a sorridere e dire “ma certo, con piacere”. A qualsiasi cosa.

Ma non mi piaceva prima, non mi piace adesso. Diminuiscono sensibilmente i motivi per restare in questa città. Ma per questo c’è tempo.

Monterotondo non mi alletta, ma è un buon compromesso, tagliare non mi fa piacere, ma è un buon modo per liberarmi dalle inconsistenze che pesano e mi mantengono la testa impegnata nel nulla.

Ehhhssì.

Comincia una settimana che si prospetta faticosa. Rientrano pure i cicci piccoli.

Certo, se uscissi qualche volta, avrei qualcosa da raccontare, cazzo.

Si accettano volontari per impacchettaggio e trasloco: poca roba, in verità.

Buon lunedì a tutti. Rami secchi compresi.