Ancora vene (no one is involved but me)

Soundtrack:

Avvicinami la faccia.

Fammi sentire il tuo odore, fa’ che io veda piccoli pezzi di te, senza sapere quali.

Portami calore sulle bocca.

Fammi vivere quell’attimo minimo e infinito di sospensione tra il raggiungersi e il non toccarsi. Quando lo spazio che ci separa diventa solido ed elettrico.

Infilami una mano tra i capelli. Il fruscio mi assorda e le orecchie pulsano. Sangue che scorre in fretta. Si blocca. Scorre di nuovo.

Pelle su pelle su pelle.

Gambe intrecciate.

Muscoli tesi.

Appoggio il naso in ogni angolo e curva e piega. Mordo. Assaggio.

Il cuore ritma. Veloce. Abbastanza da togliermi il fiato.

Qualcosa all’improvviso toglie il fiato anche a te.

Affondo di nuovo la faccia per sentire il tuo fiato sospeso.

Segno la tua sagoma con le mani.

Blocco i tuoi polsi sopra la tua testa.

Stai ferma e lasciami fare.

 

Ogni riferimento a fatti o persone realmente esistite è puramente casuale.