Chiedo scusa all’umanità

(anche questo post parla di lavoro ed è, in realtà una specie di lettera aperta ai miei colleghi,
cose che non riesco a dire per questioni di tempo o compresenza.
Quindi passate appresso)

 tritolo

Soundtrack: U2 Sunday Bloody Sunday

 

Perché sono un’idiota integrale.

Dopo il bel paraustiello di ieri che, a occhio, ha scatenato un interesse esagerato (la peggio caduta di visite mai vista dal 1952) oggi ho fatto esattamente e con millimetrica perfezione quello che sostenevo essere l’orrore comportamentale tipico italiota.

Quando mi hanno comunicato che, sì, lo stipendio di gennaio arriverà, ma quello di dicembre ce lo possiamo sognare la notte, ho risposto che avrei dato, al mio avvocato, mandato di infilare un candelotto di tritolo acceso nel culo dell’Amministratore Unico.

Mi si è obiettato che così avrei fatto saltare l’intera azienda.

Ho risposto “Esticazzi”.

E sono pure rappresentante sindacale, non dimentichiamo.

Chiedo scusa all’umanità intera. Alla generazione precedente e successiva, ai parenti in linea ascendente e discendente, a chiunque sia passato sulla faccia della terra anche solo per un paio di minuti.

Ideologie e cazzi propri, appunto.

Potrei cercare di discolparmi adducendo motivazioni varie ed eventuali. I livelli di tensione sono altissimi, l’isteria impera, il gioco preferito è “aspettiamo che arrivi Penelope per vomitarle addosso la qualunque delle notizie discordanti e dissonanti e l’intero ammontare di ansia di norma suddiviso tra una decina di persone”.

Non è che io sia una colonna di granito.

Sono e resto una testa calda, un’emotiva del cazzo che vorrebbe riparare ogni torto al momento e con armi ridicole come l’insulto travestito da metafora ironico/poetica, quando sono controllata o con le capate ‘mmocc’ (=testate sulle gengive, N.d.T.) quando sono fuori di me dalla rabbia.

Appunto, la testa l’ho persa. Ho bisogno di trovare un modo di controllare l’ansia (che non sia il rum alle quattro del pomeriggio) o impazzirò e darò fuoco a quel posto, con me dentro, che è la parte peggiore.

Mi accorgo che la reazione collettiva – me too – è, in fondo infantile e delirante.

Per quanto dall’alto arrivino di continuo (anche tre, quattro volte nella stessa giornata) ordini e contrordini, dati confermati ed annullati, indicazioni dette e contraddette, che non rendono facili il lavoro né l’interazione tra noi, né l’analisi fredda della situazione, siamo fuori controllo oltre ogni giustificazione.

Alla fine abbiamo bisogno tutti, nei momenti complicati, del papà autorevole e granitico che ci indichi la strada verso la salvezza. A far da soli non siamo capaci, ci perdiamo come bimbi al supermercato e ci sentiamo abbandonati e non amati.

Questa riflessione equivale a un colpo di mazza da baseball sul mio lobo occipitale destro.

Che minchia di atteggiamento è?

Ma quando mai ho avuto bisogno di questo?

Dovremmo riuscire a prenderci le palle in mano e stabilire che cosa vogliamo fare.

Se si resta su questo barchino senza remi e pieno d’acqua, ci si resta senza agitare mani e piedi e senza recriminare alla qualunque.

E’ vero e sacrosanto che, al momento, non ci sono alternative e che lasciare ‘sta noce di cocco equivale a buttarsi a mare senza salvagente d’ordinanza. Ma in qualche modo è vero pure che si può sempre decidere di togliersi le scarpe, tuffarsi con un elegante carpiato e nuotare fino a quando non si trova terra.

Per quanto faccia schifo, il ragionamento, quello quell’è.

Con questa scelta bisognerà fare pace e bisognerà accettarne la natura puzzolente e frustrante. In attesa di tempi migliori, in attesa di occasioni d’oro o anche solo di stagno.

A pace fatta, viene fuori una seconda necessità. Starci tutti, nella paperella di plastica ammaccata. Nessuno escluso. Perché se è vero che la segretaria stronza ci sta sul cazzo a tutti da sempre, è vero pure che non è “fair” (giuro che non mi viene il corrispettivo in italiano, sono i neuroni che cadono uno dopo l’altro sotto i colpi della mazza da baseball) usare un momento del cazzo come questo per vendicarsi. Malgrado lei sia una stronza fatta e finita, la proposta del contratto di solidarietà è una sòla pazzesca e serve anche a salvare il culo a noi tutti.

Esattamente come la riduzione dell’orario e delle tariffe degli specialisti.

Esattamente come la ricotta fatta sulle partite iva.

Esattamente come lo stipendio di dicembre.

Sarà il caso di smettere di personalizzare e iniziare a ragionare sul lavoro e sulla fatica che comporta accettare una tale valanga di merda senza poter fare un solo gesto che sia uno per rifarsi della frustrazione.

Altresì, ANARCHIA E RIVOLUZIONE!

Decidere in autonomia, ignorare direttive idiote e inconcludenti, okkupare il centro e autogestirlo…

Da veri post-adolescenti quali siamo.

Con tutte le conseguenze del caso e senza, comunque, risolvere stipendi, tariffe, orari e contratti che, quello, non lo possiamo né controllare, né cambiare, né annullare.

Baci belli de casa.

Agli altri, se siete arrivati fin quaggiù: cazzi vostri.

 

 

 

 

7 thoughts on “Chiedo scusa all’umanità”

  1. colleghi,va bene,la volete sindacalista,ma sappiate che sotto il chiodo c’e’ una deliziosa,dolce,vulnerabile sfogliatella frolla,e se la scotoliate troppo………..vengo e vi faccio lo strascino!!!

  2. ma scusa, ti si sono girati gli zebedei perchè quello che hai scritto ieri l’abbiamo letto solo io e te?
    io sono una testa calda come te, perciò ti dico che hai fatto bene anche se sappiamo che hai fatto male. E che non devi più reagire d’impulso anche se sappiamo che lo rifaresti subito, come me.
    siamo un totale casino in quanto a mente lucida e sangue freddo, vero?

  3. Proprio tu, half-jewish e comunista, sebbene in termini freudiani, parli della necessità del messia salvifico?
    Io, molto più banalmente, ritengo che invece ogni dipendente non abbia (per certiversi giustamente) TUTTE le informazioni per stabilire se la dirigenza sta prendendo le decisioni che noi avremmo preso se avessimo quelle informazioni. Avviati verso i cinquant’anni e con una cultura a livello universitario (laurea o non laurea) non siamo per niente incapaci. Siamo invece di fronte a Mike Bongiorno che vuole una risposta da noi solo per farci sapere se siamo stati bravi a dirgli una cosa che lui già sapeva o se abbiamo perso tutto per colpa della nostra insipienza.

  4. Miiiiiiiiii…va sempre peggio….sai che io ho optato per togliermi le scarpe, tuffo in mare e nuotata fino a….all’isoletta che ancora intravedevo e che si stava allontanando! So che è difficile fare la stessa cosa se l’isoletta neanche la intravedi…però ricordati che sai nuotare! Se non c’è molta corrente, puoi aspettare stando sulla nave che imbarca acqua, provare col bicchierino bucato a buttare fuori più acqua possibile e, se intravedi un’isoletta, buttati subito; se non la intravedi, aspetta (e lavora per eliminare l’acqua) finchè l’acqua non ha ingoiato totalmente la nave, poi inizia a nuotare comunque!
    Certo è che non esiste, quale che sia il motivo, che non venga pagato un mese di lavoro svolto. Non è giusto, è anticostituzionale, è schiavitù…. Vai Penni, okkupazione!

  5. @Crila: Appunto, quello che dico io. Propendo per l’occupazione, preparate derrate alimentari e sigarette da portarci.
    @area: crepi
    @tribus: lo so, così come so che la mole di informazioni che ci arriva, non ci sarebbe dovuta arrivare.
    @Dandy: non è che mi sono arrabbiata, è che mi sono abituata male. Mente lucida e sangue freddo? non conosco.

  6. ……alla faccia di tutti quelli che fanno pippa canterei:”ma ‘ndo vai?se la banana non ce l’hai!!!!!”….non so se c’entra ma ce cape!!!!!!
    bella l’occupazione….soprattutto al pensiero delle chiacchierate alcoliche in notturna!!!!nuvole di fumo in sala d’aspetto!!!;-P

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...