The Specialists

Soundtrack:

Erano 6.

1 NPI, 2 psicologi, 3 logopediste. In stretto ordine gerarchico. Perché una banda seria è piramidale.

Erano vestiti con sobrietà e apparivano persone perbene, adulti, professionisti di un certo livello riuniti per discutere di importanti faccende inerenti la propria situazione lavorativa. Aggiungerei, per puro narcisismo, che io ero in versione Stanislao Moulinsky in uno dei suoi più riusciti travestimenti (vestitino, stivale con tacco a spillo, cappottino di velluto e sciarpa di seta).

Si incontrarono, alle 9.00, sotto la Piramide Cestia.

Si recarono, all together, in un pub poco distante.

Mangiarono.

Bevvero.

Risero a dismisura.

Parlarono degli argomenti che più si addicono alle loro intrinseche caratteristiche: lavoro e sesso. Con una prevalenza dell’argomento sesso nella misura di una percentuale superiore al 75%, come da indicazioni dell’Amministratore Unico della società per la quale prestano i propri qualificati servigi.

Bevvero ancora.

Parteciparono dei dessert della casa con gusto e soddisfazione.

Decisero, a una certa, che la serata poteva dichiararsi conclusa.

Si recarono alla cassa.

In fila.

Lo psicologo guardò la logopedista travestita e disse “mica possiamo andarcene così?”.

La logopedista travestita rispose “certo che sì”.

Aprirono la porta e si proiettarono senza fretta all’esterno del pub, uniti e compatti, con calma e determinazione.

Con estrema rilassatezza e senso di impunità, The Specialists si intrattennero all’esterno alcuni minuti.

Quindi svamparono.

Nel nulla.

SENZA PAGARE IL CONTO.

Ussignur, rido da due ore ininterrottamente… ma si può? la media è di 40 anni, tutti professionisti serissimi, con famiglie anche. ‘Na band ‘e sciem’.

Non ci posso credere sia successo per davvero. vero che sono alticcia e vero che lo eravamo tutti, ma scappare senza pagare… neanche a 13 anni.

Se usciamo di nuovo tutti insieme, aspettatevi una rapina a mano armata.

Dio che risate, mi fanno male gli addominali.

 

 

 

 

14 thoughts on “The Specialists”

  1. non so se mi fa piu ridere la descrizione di voi sei professionisti, o il vento che avete fatto all’uscita…
    posso venire anch’io la prossima volta? sono una professionista del settore.. in tutti i sensi (no no non faccio la mignotta :))
    geniale è da un ora che rido…

  2. Faccio la voce fuori del coro, ma…. disapprovo! E disapprovo perchè nessuno meglio di te dovrebbe sapere quanto è importante essere pagati per quello che è giusto…soprattutto in questo periodo. Ok, è stato divertente, ma ora, in una busta sotto alla porta del pub, dovreste mettere quello che è giusto, se no non è divertente, è rubare!
    Corro il rischio di esserti antipatica facendo il grillo parlante, ma è quello che penso….

  3. no, perchè dovrei rosicare? sono particolarmente sensibile al rispetti del lavoro altrui…e vedere che persone che stimo molto, invece, se la ridono dietro mi spiace molto!

  4. Consiglio ai bloggers: andate a vedere un film che si dovrebbe chiamare “il lettore” (the reader). Tema: ragazzo 15enne incontra per caso donna di 35 (siamo nel 1958) misteriosa e piena di angosce. Amore travolgente (?) finchè lei scompare. Lui soffre e cresce, diviene un giovane aspirante avvocato e va ad un processo con il suo professore dove lascio alla vostra fervida immaginazione capire chi fosse imputata (per crimini nazisti). Una lei che non si difende, un mondo che la accusa sulla base di una prova schiacciante che lei stessa potrebbe confutare, ma non lo fa per nascondere una vergogna ai suoi occhi più grande. Il ragazzo, lui sì che potrebbe scagionarla, pare voglia farlo, ma poi non può: significherebbe scagionare se stesso e tutto un popolo da una colpa senza redenzione e quindi…tace e si danna l’esistenza. Attenzione questa è solo la premessa, perchè il film continua a salire di tono e dopo due ore ti duole che finisca. Da vedere, assolutamente, con una meravigliosa Kate Winslett (o come si chiama). Aloha.

  5. favoloso ma questa è la trama di MadameX, con una memorabile Lana Turner, sei certo che fosse kate, c’è la possibilità che ti sia confuso, ricordi quale fosse il numero della tinta del biondo?
    baci tanti

  6. No. non c’entra nulla madame X. Non sono madre e figlio, ma amanti, lei non ha ucciso il suo amante, ma partecipato (passivamente) all’uccisione di massa di ebrei nei campi, non è un polpettone. N’atu fatt’
    Best

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...