Domanda epocale

prostitute

Soundtrack: Tina Turner What’s Love Got to Do With It

Fai conto che hai un figlio con difficoltà cognitive e motorie.

Fai conto che tuo figlio ha EVIDENTI difficoltà cognitive e motorie.

Fai conto che sono evidenti ma non esagerate. Se la cava, in fondo.

Fai conto che sta per compiere 17 anni.

E che non ha amici perché te lo sei tenuto troppo stretto alla cintola.

Sai anche che non troverà una donna, né ora né mai.

Ce lo porteresti a puttane?

 

18 thoughts on “Domanda epocale”

  1. cos’è, sondaggio o raccolta di materiale?
    Al di là della questione specifica, credo che temi come questo (che riguardano l’etica in maniera molto stretta, come il caso Englaro) non abbiano dimensione pubblica e vanno risolti in silenzio. E tuttavia vanno risolti; per cui la mia risposta è sì, con molti se e molti ma.

  2. Se devi decidere tu quando tuo figlio vuole perdere la verginità, se devi ancora essere una persona invadente….
    vedi te (o chi per te) di farti tipo un mezzo chilo seicento grammi di cazzi tuoi!
    anche perchè secondo me ci sono mille modi per fargli sfogare le pulsioni sessuali: questo delle troie, se il pargolo è prorpio ritardato, è uno stupro, according to me.
    E sono giovane, uomo, senza figli, senza esperienze di ritardi mentali dirette o indirette.

  3. I miei dubbi sono esattamente questi. Tutti.
    Immagino che se fosse mio figlio avrebbe avuto una educazione sessuale comunque, anche perché non è un ritardo grave e non è incapace di pensiero e comprensione. E immagino ne avrei parlato con lui.
    Ma lui è totalmente digiuno di tutto, giusto qualche informazione gentilmente offerta dal suo insegnante di disegno. Si guarda intorno e vede cose alle quali non ha accesso e non sa bene il perché (lungo da spiegare, questo, ma è accennato in vari post, è la mia spina nel fianco da un anno). Non so.

  4. No, non lo porterei. Benchè mi possa rendere conto di questa energia sessuale che c’è e che in qualche modo deve scorrere non lo porterei. L’educazione sessuale da me trasmessa sarebbe stata complementare ad una educazione all’amore, che forse avrebbe dato un altro senso al mero atto sessuale. Lo dico da donna, quindi con delle pulsioni certamente diverse da quelle che prova un uomo, però non essendo personalmente coinvolta non riesco a pensarla diversamente.

  5. Mi ci avete fatto pensare.
    “Ma lui è totalmente digiuno di tutto” dici, quindi non esprime nessun bisogno… quindi no.

    Mi ci avete fatto pensare e ribadisco la mia risposta.

    e cmq… non ci sono argomenti dei quali non parlare…

  6. si.perchè nessuno si senta più anormale (e fanculo alle reintrepretazioni di questo aggettivo) di quello che già è. si perchè il corpo chiama. si perchè ogni sindrome ha diritto di vivere una continuità. si perchè fanculo l’amore quando le pulsioni di un essere con problemi chiamano. si perchè ho visto un mio amico farlo ed è stato un grande. del resto, se una persona rompe già il cazzo e non si innamorerebbe mai delle famose brutte… figuriamoci… via la maschera del perbenismo. almeno sarebbe una puttana santa, invece di tanti pater familae che -citando- vanno a puttane mentre i figli guardan la tv. (ti abbraccio sempre fortissimamente)

  7. Se come dici non ha un ritardo grave e non è incapace di pensiero e comprensione, comincerei con lo spiegargli qualcosina, magari facendomi aiutare dall’equipe di specialisti (o presunti tali) che lo seguono, se proprio da sola la mamma non ce la fa! Sarebbe da spiegargli che le sue pulsioni sessuali sono una cosa normalissima, ma va rispettata la privacy e il rispetto di se stessi (ossia asseconda il tuo corpo, ma o in bagno o nella tua camera). Successivamente sarebbe carino fargli frequentare un corso di ippoterapia o terapia occupazionale per adolescenti dove possa conoscere una ragazzetta con un lieve ritardo e sufficiente capacità di giudizio e comprensione, con una famiglia alle spalle forte che le ha spiegato certe cose e che le dà la pillola da un paio d’anni perchè “non si sa mai, lei pensa che siano vitamine!!!!”, così da sperimentare insieme le gioie del sesso….
    Che dici Penni è fattibile tutto ciò?! E se no ti devi sacrificare….ahahahahahaha!!!!!!!!!!!!
    A puttane no…te prego…..

  8. Lui non mostra pulsioni sessuali. Lui si chiede perché alle feste i suoi amici si chiudono a coppie in bagno, pensa che avere a che fare con le ragazze significhi portarle fuori e fare i regali e ha un padre che gli ripete che si ha una sola donna nella vita.
    Ha una famiglia che nega la sua disabilità. Lui la nega e non si spiega perché le ragazze non vogliono uscire con lui.

  9. A moment…dimenticato una cosa fondamentale….bisignerà poi insegnargli l’uso del preservativo perchè la pillola lo salva da gravidanze indesiderate e che possono trasmettere geneticamente la sua sindrome, ma certo non la salva da malattie sessualmente trasmesse e se gli piace e prende il via…è la fine!
    Sì, insomma, è vero che ancora è digiuno da tutto ma è pur vero che nessuna sindrome genetica con ritardo mentale contempla anche mancanza di libido e allora è meglio cominciare a nutrirlo!

  10. ecco questo andava spiegato!!!!!!!!! La famiglia non vuol farsi aiutare, mi pare…mi pare anche che la famiglia non ha neanche accettato la disabilità…e allora mi sa che tutto fargli sbattere la testa contro il muro (io sarei bravissima in questo…). Vale a dire: dirgli a brutto muso che se non aprono gli occhi il loro “bambino” violenterà qualcuna prima o poi…resto dell’idea che debba frequentare ragazze del suo livello cognitivo che possa invitare ad uscire… e che accetterebbero…ovviamente scortati dai genitori. Questo sarebbe il modo soft.

  11. Son d’accordo con l’ultima. E son d’accordo soprattutto con Alice. Non parliamo di sentimenti e cuoricini. Qui si tratta di un ragazzo che non troverà mai una ragazza disposta neanche a baciarlo. Vabbè, alla prossima domanda epocale.

  12. Il mio non era un discorso di cuoricini verso un ragazzo che forse non avrà mai la possibilità di avere una relazione sentimentale, semplicemente non riesco a capire il beneficio che questo ragazzo può avere da una scopata a pagamento.

  13. Effettivamente a questo non ci avevo pensato. Sono tutte domande complicate e ogni cosa si faccia non si potrà mai sapere se è la cosa giusta.

  14. la domanda, all’inizio, era secca e non a caso ho inserito i se ed i ma. A questo punto ritengo che, nel caso in questione, l’intervento di una professionista sarebbe l’ultima spiaggia, abbastanza in là da venire. Dico professionista senza virgolettare perchè, anche in questo ultimo caso, non credo si possa prescindere dalla dimensione psicologica ed affettiva che la questione comporta, vieppiù in in soggetto del genere, e che deve essere gestita in maniera accorta per non cadere dalla padella nella brace.
    Com’è invece accaduto in un tristissimo caso di incesto di cui mi raccontava mia moglie.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...