Etero & Lesbiche

zoccoli

Soundtrack: Paola Cortellesi & Wooden Chicks ft Frankie HINRG – Non Mi Chiedermi

Non mi pare ne abbiamo mai accennato. Eppure è argomento di un certo spessore. perché sempre di donne parliamo e quando parliamo di donne dobbiamo necessariamente e consapevolmente comprendere una infinita serie di sottocategorie note ai più: zoccole, troioni, gatte morte, fiche di legno, profumiere… ed altre ancora.

E lo dico con tutto l’affetto e l’ammirazione che posso nutrire per le donne nelle loro multiformi livree.

Le amo anche per questo, sia chiaro.

I lunghi anni di militanza lesbica mi hanno insegnato alcune piccole cose da trasformare in regole necessarie per la sopravvivenza emotiva. Ne ho quattro.

Una è: mai e dico mai, interessarsi ad una etero. E’ questione di salute mentale. E’ una cosa che può distruggere la fragile psiche di una lesbica per quanto di lungo corso essa possa essere.

Quando una etero incontra una lesbica e capisce che codella è lesbica (e questo può accadere in un nanosecondo o in un’era geologica, dipende da vari fattori) scattano meccanismi da twilight zone.

La più controllata ed equilibrata delle etero può trasformarsi in un trojone alfa che se si rapportasse così ad un portatore sano di pene sarebbe considerata la sorella gemella disinibita di Jessica Rizzo.

Si può non crederci, mi rendo conto, potrebbe apparire eccessivo e romanzato, si potrebbe pensare che la volpe, stabilito che all’uva non ci arriva, risolve dandole della zoccola (all’uva).

Ma non è assolutamente così e, soprattutto, io adoro codesto comportamento (almeno quando sono nella fase bipolare ++).

Io lo vedo e mi sembra, ogni volta, un film.

Perchè alle Donne piace giocare, ma alle Donne non piacciono i giochi pericolosi. La seduzione è un gioco piacevolissimo. Ma anche pericoloso. Quando l’interlocutore è armato o troppo forte o troppo rozzo o troppo stupido, la seduzione diventa un pericolo quasi fisico. Senza contare che una etero ragiona secondo il principio che un “altro” uomo potrebbe seriamente mettere in pericolo il proprio standard di vita (matrimonio, coppia, persino il lavoro), mentre un’altra donna…

Cosa potrebbe mai mettere in pericolo un’altra donna? Se sei etero ti potresti innamorare di un uomo, ma di una donna… è ovviamente impossibile… solo curiosità… ma si gioca e basta…

Ovviamente, parte integrante del gioco della etero, è la consapevolezza che la lesbica, in quanto donna, sarà in grado di riconoscere ogni singolo segnale di troiosa seduzione strutturato su caratteristiche ricettive maschili, che ne resterà sopraffatta (perché noi donne non smetteremo mai di pensare che “la” concediamo e che quando “la” concediamo è un dono raro e ineguagliabile da accogliere con umiltà e tripudio), che il tutto può essere interrotto a piacimento in qualunque istante e a qualunque punto sia arrivato e che, se poi alla fine qualcosa ci esce, cosa sarà mai?

Dentro di sé, intanto, la lesbica resta basita. Le sfumature del basimento variano a seconda della esperienza maturata e del grado di autostima. La lesbica inizialmente osserva e pensa: “ma chest’ che cazz’ vuò?”, poi pensa: “ma ce l’ha con me?” poi si guarda intorno per vedere chi potrebbe essere il destinatario dello show, poi capisce (leeeentaaaa) e cede un po’. Ma anche no. A volte cede pure come una banana e da i numeri. Ma la lesbica ha poco da perdere, questo le etero non lo sanno. La lesbica ha l’imprinting della delusione amorosa e dei sensi. Anni e anni di palestra. Cuore forte e spalle potenti. Si lamenterà per un po’, poi passerà oltre a fare quello che ha sempre fatto.

Non so, in verità, come funziona per le etero, non so cosa si raccontano e come ricominciano a fare quello che erano abituate a fare.

Le donne che seducono altre donne sono una meraviglia e una forza della natura. Sono vene scoperte e pelle elettrificata, sono temerarie come tuffatori di Acapulco e spaventate come maruzze. Hanno sguardi e luminosità che agli uomini non sono concesse, hanno libertà e ironia, hanno paura di esserne catturate e non del contrario. Si fidano, le donne che seducono altre donne. Si scoprono. Fantastico.

Se una etero va a letto con una lesbica, di norma non lo dimentica più. Perché è diverso, Perché è forte, perché naturale, morbido e incredibilmente soddisfacente.

Se una lesbica va a letto con una etero, può dimenticarsene tra i capelli e le guance di altre decine di capelli e guance altrettanto lisce e cotonose.

insomma, che non si pensi che questo sia un post personale, ché ogni riferimento a fatti e persone realmente accaduti è puramente casuale.

Poi però succedono cose, metti ad esempio la mia ex, zoccolosamente abbordata in pubblico (=me, N.d.T.) da una etero che è poi diventata la sua amante ed ora la sua fidanzata…

Ehhh bè. Capita.

76 thoughts on “Etero & Lesbiche”

  1. …beh dipende dalla donna mo una perchè è donna mica è na dea.anzi ,,, ce ne sono di certi demoni e mostri che gli uomini in confronto sembrano agnelli, anyway
    …pe’ ….una etero, per esperienza diretta e non, non ci resiste con una lella, prima o poi molla, guarda mai sentito, ma mai mai mai, sarebbe il primo caso in iItalia.
    C’è da dire che le etero che mi hanno intrippata nella vita alla fine erano sempre a detta loro bisex e secondo me lelle che non hanno le palle di guadare il fiume.🙂 cia’

  2. Penelope, scusa, ma me la ripeti la definizione di etero? Se lella significa quello che io immagino, credo di trovarmi d’accordo con Chiara sulla storia del fiume e della lella. Ma se Lella significa quello che io ho capito, la moglie di Bertinotti al secolo si chiama L…ca?

  3. …non sono d’accordo per esperienza personale con Chiara….

    Una etero non rimane con una lella?

    Ma se la etero scoprisse che le piacciono le donne?
    E se pensava di essere etero e ha scoperto di essere bisex?
    E se?
    E se?

    Vorrei poi capire cosa fa passare una persona da essere definita Etero ad essere definita Lella?

    Son mondi diversi ma ogni persona non è in continuo divenire?

    Mi sembra inscatolarsi; forse non capisco io e se qualcuno mi spiegasse…

    E’ proprio questo il motivo per cui non amo le classificazioni.

    Ognuno è come è.

    Si ama una persona indipendentemente se è stata solo con uomini e se le son piaciuti solo gli uomini fino a quel momento.

    Parliamo di una donna. Di una persona. Non di una etero o di una lella.

    E poi: mai dire mai.

    @Sarco: Ma quanto ci piace intripparci con le seghe mentali !!!

  4. dio bono, cornificata da una etero! deve essere un botta …

    mi divertono questi tuoi post, un po’ perché sono molto ironici, un po’ perché, forse te l’ho anche già scritto, il gay maschio è sostanzialmente sdoganato, si sa tutto, ma il vostro mondo è misteriosissimo.

  5. @Nelson: ma anche no!
    @Chiara: in linea generale, ne convengo, conosco anche donne capaci di guardarlo, il fiume e pure di tuffarcisi dentro.
    @Fab: è vero, non ti avevo mai detto che lella è un modo nordicamente affettuoso per dire “lesbica”.
    @Sarcò: in verità la mia intenzione era quella…
    @Mork: di fatto, se ti innamori di una donna e sei una donna, inutile menarsela, sei lesbica per definizione. E per quanto possa essere incoraggiante quello che dici, nella fattispecie è etero e non mi caha di pezza.
    @caporale: ehhhhh. Per questo è nato il blog Penelopebasta, per incassare la botta. E’ una cosa molto femminile la questione del mistero del mondo lesbico. Oltretutto anche parecchie lesbiche sono totalmente all’oscuro del loro mondo.
    Notte a tutti, che stasera non ce ne ho da scrivere, mi lucido le pive in fondo al sacco ed estirpo dalla mia testa pensieri lubrichi mal riposti. Baci.

  6. ragazzi io credo si passi questa vita cercando di capire chi si è e cosa si vuole, e la direzione elettiva sembra sia una..anche se qui ci sarebbe da discutere..quindi: ‘tipo sigla di Lword’
    -una può essere etero e scoprirsi lesbica e restare tale..e quindi guadare il fiume (con non poche difficoltà)
    -essere lesbica e scoprirsi etero (raro)
    -essere etero e restare tale
    -essere etero e avere la curiosità delle donne per poi tornare etero
    -essere lesbica e restare lesbica per tutta la vita
    in genere queste sono le tante odiate ‘classificazioni’ ma alla fin fine, quello che le accomuna, è che una ci può mettere anche tutta la vita a capire cosa è ma una volta che l’ha capito se lo tiene ben stretto!
    ciao ciao

  7. se ci si innamora, le regole vanno a puttane.se si parla di sesso,sesso rimane e sesso si fa (se ci si arriva) e resta fine a se stesso=paletto/bandiera su terra conquistata.io personalmente ho una regola interiore che mi vieta di avvicinarmi a donne eterosessuali, se non altro perchè se un uomo mi venisse a rompere i coglioni,lo prenderei a randellate nel culo…se A ME NON VA, e credo di essere molto esplicita.Ma la vita è tanto strana. e può capitare qualunque intreccio. almeno voglio credere che sia possibile non confinare la sessualità, quando ci si guarda dentro e ci si incontra. e per concludere alla Bukosky: non scommettete mai se non siete ubriachi!

  8. Madò che argomento vasto ed intenso…se la etero che si innamora di una donna ha ilcoraggio di rivedere un pochino i suoi gustie magari di fare un’inversione di rotta allora è capace che la storia duri e maturi…ma se acchiappi la peggior specie di etero (ovvero quella che non sono lesbica ma sto con te perchè sei tu e mi piaci tu) meglio darsela a gambe.
    E concordissimo sulf atto che quando una etero capisce che sei sei lesbica inizia a zoccoleggiare malament’…a me succede SEMPRE!

  9. io non ho mai avuto relazioni con maschi etero (?), sessuali intendo, non mi sono mai particolarmente ingrippato di loro e credo di non essere quel genere di maschio che attrae portatori sani (?) di cuorisità sessuali verso lo stesso sesso. Ma mi sorge una domanda spontanea: ma una donna etero che tromba con una lesbica, poi viene denominata ancora etero? un uomo “macho” che tromba con un’altro maschio è etero fintanto che non lo prende nel didietro, almeno secondo il comune sentire, ma una donna? esiste qualche pratica che la esenti dall’essere lesbica? che non le faccia fare il passaggio da “porcacuriosa” a lesbica?
    ora, con grande dificoltà, ho accettatto le categorie GAY/lesbica, i transessuali non hanno per me mistero pur avendo qualche perplessità sulla aleatoria categoria dei TRANSGENDER, ma, mi chedo ancora, la sessualità non è che è in continuo divenire? non ha che fare con l’evoluzione di ognuno? ovvero non è che uno, avendo preso una strada precisa, incontra ad un certo punto chi può piacerti e farti cambiare rotta anche per un nanosecondo?
    perchè, riassumendo, esistono (escludendo le sottocategorie sennò si fa notte) i:
    1)gay=uomini che vanno con uomini
    2)lesbiche= donne che vanno con donne
    3)transessuali= donne/uomini “intrappolati” in un corpo estraneo
    4)bisessuali=schifosi🙂 che assurgono a tema della loro vita il detto: “addò coito coito”
    5)transgender=l’ho detto che non c’ho capito una cippa
    6)eterosessuali=uomini che vanno con donne che vanno con uomini (quasi quasi me li dimenticavo sti eteri)
    ma non sono un poco troppe ste categorie?
    soprattutto se avanza prepotentemente la categoria dei BICURIOSI!
    chi cazzo so? un giano bifronte? una specie di porci assatanati che detengono qualche verità nascosta ma controvertibile all’occorrenza?
    ti prego Penè illuminami!

  10. Secondo me vanno invertite le definizioni del punto 3 e del punto 5….forse…m par’.
    E’ vero che la sessualità/emotività/vita/pippe mentali sono sempre in evoluzione e non è ‘scinetificamente esatto’ catalogarle in comparti stagni.
    Ciò detto in alcuni casi gli etero usano questo fatto per pararsi il culo dopo che si sono tolti lo sfizio.
    Ha ragione Penelope quando dice:

    Ovviamente, parte integrante del gioco della etero, è la consapevolezza che la lesbica, in quanto donna, sarà in grado di riconoscere ogni singolo segnale di troiosa seduzione strutturato su caratteristiche ricettive maschili, che ne resterà sopraffatta,che il tutto può essere interrotto a piacimento in qualunque istante e a qualunque punto sia arrivato e che, se poi alla fine qualcosa ci esce, cosa sarà mai?

    Specie l’ultima parte.
    E’ vero che molto spesso i gay hanno questa urgenza famelica di dire ‘uh secondo me quello/a è della parrocchia…’uh marò il gayradar fa le scintille’…però è anche vero che quasi mai gli etero si vivono quel nonosecondo di sbandamento dei sensi in maniera tranquilla ed anche loro sentono l’urgenza di dire…’uè ma io sono NORMALE eh è solo che in questo periodo sto un pò così’.

  11. @CrilA: Sì ma non hai detto la tua che, se non mi sbaglio, sei etero.
    @michi: voglia di che? di una etero? di una lesbica? di che?
    @Benny: so di sfondare una porta aperta con te!
    @Alf**: transessuali e trasgender sono la stessa cosa. Ovvero persone che passano da un sesso all’altro, da un genere all’altro. Poi ci sono i travestiti che non sono necessariamente transessuali. Ma questa categoria qua è un tale casino che facciamo finta di gnente. Cosa porta una etero ad essere definita lesbica? sono moltissime le etero che hanno scopato/scopano/scoperanno con una donna e questo fa di loro solo delle persone curiose ed aperte. Ma se si innamorano, allora devono appendere l’eteraggine al chiodo. Allora so’ lesbiche. Perché non è nel sesso che si travalica il genere. Ma nel sentimento. Perché simm’ femmene. Per voi masculi invece il punto sessuale è forte e definitivo e le questioni si giocano lì.
    Almeno a me mi pare così.

  12. Ma se si innamorano, allora devono appendere l’eteraggine al chiodo. Allora so’ lesbiche. Perché non è nel sesso che si travalica il genere.
    CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP
    Aggiungerei: se una etero che si innamora di un’altra donna mi dicesse ‘ok si è vero, in questo periodo della mia vita sono lesbica perchè amo Gina’…andrebbe benissimo lo stesso, anche se ha detto ‘in questo periodo’. Invece alcune proprio sono terrorizzate dalla parola LESBICA.
    Così come molte lesbiche sono terrorizzate dalla parola pene, uomo e se dici ‘però quel ragazzo è carino’ ti guardano come l’ultima infame della terra perchè mica starai pensando che ti può piacere un uomo anche solo lontanamente perchè tra due donne è strepitoso e senza paragoni! ( e tu magari sai di essere lesbica ma non hai problemi ad apprezzare la bellezza oggettiva di un uomo o di un micio o di un tramonto per dire)
    Sono parole in certi contesti importanti ed in certi altri no e credo non si debba averne paura nè in un modo nè nell’altro. Non so se sono stata spiegata😉
    Nu vas Penny.

  13. @Michi: quindi voglia di ME? ommygodd, una proposta su blog!
    @Benny: va detto che il percorso per la definizione di sé è lungo e tortuoso che la metà basta, diamo tempo a ‘ste ciccette di capirci quaccheccosa. Altre volte, calci in culo.

  14. Non so….sarà che io ho sempre conosciuto solo le appartenenti alla sezione calci_in_culo…solo una persona che conosco ha avuto il coraggio di mettere in discussione tutta la sua vita per essersi innamorata di una donna senza averci mai fatto nulla ma solo in base ai sentimenti.
    Senti ma in msn ci stai per finta? ghghgh

  15. io sono lesbica, ma lesbica malata. le donne mi piacciono molto, ma se almeno non so bisessuali non me le cago proprio…non ho capito perchè,ma non ne sono attratta. ho passato svariati anni con la mia ex che si è sempre definita etero (!) (fiume non guadato,periodo temporaneo,sbalzi ormonali…fatto sta che ora è superfemmina per uomini, altre amiche condividono qs esperienza, noi le chiamiamo “divinità riot”, donne a cui non sta mai bene niente, e che cercano quello che non c’è…).una volta una bisex con cui avevo una storia mi disse che la loro è una condizione di infelicità perenne perchè ciò che cercano non c’è…ma non ho capito cosa cercava, io feci presente che un ermafrodita poteva essere una soluzione… la mia attuale compagna, adulta, madre non aveva mai provato donne…(a letto è davvero un sogno!)e fa parte di quelle non sono lesbica mi piaci tu solo tu…e io avoglia a dirle “dite tutte così!”…lesbica spaventa e pone ai margini della società e chiaramente non è un termine ambito, soprattutto per chi non ci è abituata. io c’ho messo anni e pratiche per imparare a chiamarmici.
    gli abitanti di lesbo si lamentano del fatto di essere “lesbici” e che questo termine ha assunto significato dispregiativo, propongono di cambiar nome a quest’abitudine sessuale…

  16. “Ma se si innamorano, allora devono appendere l’eteraggine al chiodo. Allora so’ lesbiche. Perché non è nel sesso che si travalica il genere”

    Una donna si innamora di una donna -> è lesbica
    Una donna si innamora di un uomo-> è etero

    Sei d’accordo che questi due stati posso alternarsi nella vita di una PERSONA?

    Oppure una volta che una persona deve “appendere l’eteraggine al chiodo”, resta lesbica a vita?

    Ma per piacere!!

    Perche’ non evitiamo di mettere confini come suggerisce Alice?

  17. omosessuale[o-mo-ses-su-à-le] agg., s.

    • agg. Attratto da persone dello stesso sesso; riferito a passione, amore, rivolto a persone dello stesso sesso: rapporto o.

    • s.m. e f. Chi prova inclinazione amorosa e attrazione sessuale per individui del suo stesso sesso (si contrappone a eterosessuale)

    • a. 1908
    Una banana è certo un frutto, ma senza le più specifica definizione di “banana”, non sapresti cosa stai mangiando. Le definizioni sono utili, non dico necessarie ma utili. Niente di troppo stretto o soffocante. Ma comunque una banana è una banana e non è un frutto divenuto giallo in un periodo della propria maturazione e che poi diventerà una mela o forse un mango. La banana è la banana.
    Una lesbica è una lesbica, quando dove e come e per quanto, è ininfluente. Se ama le donne e se le scopa pure, non pretendesse di essere definita in altro modo.
    Some girls are straight until they’re not…

  18. Sto leggendo…studiando…cercando di capirci qualcosa! Tu sai che è la prima volta che incontro, conosco, stimo, apprezzo una lesbica (banana per giunta!). Finora non mi era mai capitato e quindi sto conoscendo ora questo mondo. Riguardo cosa penso, direi che il sesso è bello a prescindere e che va fatto con chi ti va, in quel momento, in quel periodo, per tutta la vita…finchè ti va e con chi ti va! Per mio conto sono etero. Non ho mai provato attrazione verso una donna, ma è vero che se vedo 2 lesbiche baciarsi (come in Lword) mi si agita l’ormone molto di più che se vedessi 2 gay baciarsi. Non lo so perchè, sarò lesbica dentro?
    Bò, può darsi! Però si parla solo di sesso, come se l’amore per tutta la vita fosse appannaggio degli etero (magari!!!!) e il sesso sfrenato, divertente, trasgressivo appannaggio di gay e lesbiche. Noi etero, sposate e con figli sappiamo anche divertirci, eh?!
    Va bene come intervento?

  19. @Mork scrive:
    Una donna si innamora di una donna -> è lesbica
    Una donna si innamora di un uomo-> è etero

    Sei d’accordo che questi due stati posso alternarsi nella vita di una PERSONA?

    Io personalmente sono d’accordo che questi due stati possano alternarsi nella vita di una persona però…se si alternano troppo spesso e volentieri allora la persona in questione è bisex.
    Come ha già detto qualcuno, il vero problema è la proiezione, ovvero se dici ‘io non sono gay ma amo una persona del mio stesso sesso adesso’ questo ti fa sentire al sicuro pure se poi con sta persona del tuo stesso sesso ci stai insieme 10 anni…mentre definirsi gay ti fa passare in un attimo la vita davanti e pensi ‘sarò discriminato, che vita difficile e poi a lavoro e poi la famiglia’ è tutto un effetto placebo uagliù.

  20. @Imogene: batti il cinque!
    @Mork: tutto è possibile e niente è fisso, vero. Ma qui parliamo di identità di genere, non di come si porta il cappotto quest’anno. Parliamo di una cosa che ha a che vedere con il sé. E sei sicura che, una volta finita la storia d’amore con quell’unica anima gemella e speciale che, casualmente, alberga nel corpo di una donna, possa tornare tutto come prima? come può un evento così sostanziale non lasciare traccia e non modificare l’evoluzione futura di una PERSONA?
    @Benny: d’accordissimo. Non è che ci sto per finta su msn… è che si connette automaticamente e io intanto vagolo e faccio altre cose. Quando torno trovo un gran casino, mi innervosisco e stacco. Una forma di pazzaria, insomma.
    @Crila: ricordo che la seconda volta che ci siamo viste hai detto “vedere due donne che si baciano mi fa schifo”. Mi piace pensare che il cambiamento sia strettamente legato alla mia pressante didattica. Comunque non è che le lesbiche si divertano assaje assaje, sempre femmine siamo (piiiiippeeeee).
    @io: mi ci sono voluti 15 anni, dei quali 6 in analisi freudiana trisettimanale, per pronunciare la parola “omosessuale” senza balbettare e la parola “lesbica” senza tossire o perdere la voce. Se oggi faccio la figa e apro un blog lesbico e sparo cazzate su quello che faccio e che vivo, me lo sono guadagnato con anni di lacrime sudore e sangue. Conosco il percorso, conosco il dolore e la paura. So, sappiamo, di cosa si parla. Non sono, quindi, così giudicante come sembra, capisco bene i dubbi e i terrori di tutti. Ma so anche che cantarsi le ninne nanne serve a poco. Serve a niente. Quando ti ritrovi ad amare un’altra donna devi, prima o poi, dare un colpo di reni e dire “adesso, in questo momento, ora, sono lesbica” domani è un’altro giorno (conclude Rossella O’Hara).
    Per il resto ben felice che ci siano donne che volentieri vanno a letto con altre donne senza altro pensiero che divertirsi. Il mare si fa più generoso.
    @Michi: sono lusingatisssssssima, quasi commossa.

  21. Pené come ho detto qualche intervento fa, ogni persona è in continuo divenire.
    Cio’ vuol dire che ogni esperienza lascia una traccia; visibile o meno. Positiva o meno.

  22. Mi è venuto in mente un parallelo che probabilmente non c’entra nulla…però abbiate pietà, è domenica e devo sbariare in qualche maniera.
    Per certi aspetti ci si sente come si sono sentiti i partecipanti alle Paraolimpiadi quando Oscar Pistorius li ha ‘traditi’ per tentare di partecipare alle Olimpiadi….come sentirsi rinnegato da chi, nelle tue stesse condizioni, dovrebbe invece unirsi a te e combattere al tuo fianco.
    Ripeto , scusatemi è domenica.
    @Penny: ahahahah ognuno tiene le sue pazzarie.

  23. Non che abbia nulla di speciale da scrivere, ma se lo avessi lascerei comunque ancora un po’ questo post. Non pensavo si potesse scatenare ‘stu poc’. E mi piace molto che ne nasca un “dibattito”. non pensavo nemmeno fosse un argomento così pungolante e sentito.
    ovviamente, dopo un primo paio di interventi, il resto: TUTTE FEMMINE. Che tenerezza…

  24. Io – che ora uso abbastanza tranquillamente il termine lesbica preceduto da “Io sono” – per anni sono riuscita solo a bofonchiare che ero gay oppure, più tardi, omosessuale.
    Ma la parola lesbica no! Non mi usciva dalla bocca perché la percepivo come un insulto, come qualcosa di viscido e schifoso.
    Sapete che vi dico? IO SONO LESBICA!!!!

  25. PENELOPE: eccoti il cinque! Clap!
    Chissà se la etero per la quale sono stata mollata si definisce ora lesbica o bsx o altro, mah…

    Io ho notato che sovente le etero, di fronte al mio coming out, hanno avuto reazioni comuni che si possono riassumere in:
    – stupore misto piacere per essere ritenute degne della confidenza;
    – doverosa precisazione “Ah, ma guarda che io non lo sono!” (ma va?);
    – pf non provarci, neh?
    In seguito, dal paio di minuti al paio di giorni:
    – ma non ti piaccio? Non trovi che ho un bel culo?
    – senti, tu che sei quasi come un uomo (?), dici che è meglio se indosso questo o quello (di solito trattasi di biancheria intima).

  26. wow! ma che post!eheh
    il passaggio interiore per riuscire a pronunciare la parola “lesbica” credo che l’abbiamo avuto in molte, noi della cumpa…
    è anche così bello dopo tanto dolore riscoprire il piacere di dirlo e ridirlo, quasi come se dopo che si è riuscite a passare l’ostacolo della parola tutti riuscissero a percepire la meravigliosa esaltante intensa stupefacente realtà che siamo, e che sta in una donna nell’amare un’altra donna.

  27. Tutte femmine? Non avevo dubbi😉

    @Imogene: non apprezzo le reazioni seguite al tuo coming out ma voglio sperare in una “crescita” di chiunque…..

  28. MORK: io ci ho riso sopra a quelle reazioni!🙂
    Me ne è venuta in mente un’altra. Coming out poco prima della nostra partenza insieme per il mare. Lei che mi dice “Ti fa niente se al mare poi dopo la doccia esco dal bagno già vestita?”. Io che non capisco e quando capisco le dico “Guarda che se non me lo dicevi manco ci facevo caso che saresti uscita vestita!”. Lei “Sai, mi sentirei in imbarazzo, come ad essere in camera con un uomo.”. Morale della favola… poi girava praticamente nuda.

  29. @Imo: speravo di non aver capito come al solito.

    Magari a ritrovarsi nella medesima situazione in futuro, non sentira’ lo stesso disagio…..

  30. @Imo: lo so bene. Conosco personalmente quelle paure. Appunto parlavo di una crescita.

    Cio’ che si vede dopo è sempre con un orizzonte piu’ ampio.🙂

  31. Alla veneranda età di 43 anni credo di aver capito chi sono: una lesbica. Stanotte ho fantasticato di fare sesso con una donna e mi è piaciuto moltissimo. Di solito, quando faccio sogni erotici notturni (inconsciamente) sono sempre con donne e, talvolta, mi capita di ammirare donne per strada, desiderando di avere una storia con loro. ORA CHE FACCIO? HELP!

  32. Cara Barbara,
    se fossi una redattrice di una rivista femminile tipo Donnapiù o Donnaviva, saprei cosa dirti.
    Invece non so proprio. A 43 anni sarai pure libera di fare il cazzo che ti pare?
    Frequenta posti, guardati intorno, vivi.
    Altro da dir non ho.

  33. maròòòòòòòòò che confusione..mi sono messa a leggere i vostri interventi per capirci qualcosa ma….non è aria da andà in paradiso!!!io etero ex moglie, conosco amica, un anno amicizia e stop, sapevo di lei, poi improvvisamente..sbag!!tegola in testa..a me..ci ritroviamo una nelle braccia dell altra lei maschile io femminile, dura dieci anni tra alti e bassi..(lei non accetta di essere un uomo dentro in corrpo di donna fuori) ci lasciamo 5o volte ci riprendiamo altrettante volte..facciamo progetti anche di convivenza addirittura di un figlio..ultimamante era felice e gli si leggefva in faccia io al settimo cielo..lei è maschile ma fragile io femminile ma con istinto di protezione maschile a letto…una favola insieme anche con ausilio di extra,,moolto piacevole..e poi tre mesi fa…puff.non mi ama piu sto male vado in terapia non so piu chi sono e che voglio..bo…io male da morire…lei non so che ha non so perche mi lascia…poi mi ricerca..poi si allontana perche io invece di fare il tappetino come gia successo sono ferma e risoluta..faccio l amica rassegnata da essere mollata…poi giorni fa conosco un uomo su fbk cominciamo a parlare le confido tutto il mio dolore lui sensibilissimo (etero) mi aiuta mi tira su riesce a capire la mia storia dice che è la piu bella storia d amorre che abbia mai zxentito mi dice scrivici un libro…hai un cuore enorme e pieno di cose meravigliose…io ora dal dolre autoflagellante..sono passata all.essere lusingata e soddisfatta di essere ammirata e considerata lui molto discreto e abita sud italia io centro dice ti verro a trovare…e mi rassicura dicendomi tornera da te..cè troppo tra voi due..ora oggi è un giorno sytrano…perche sento di essere quqsi rassegnata ad averla persa la mia ex…cioè tutto quello che tutti mi stavano dicendo della serie..sta serena sta tranquilla..cerca di distrarti..poi forse torna ma non ci pensare non ti fissare insomma oggi sto attuando tutto cio..e mi lusinga un po l atteggiamento del mio amico…ma che cavolo ho???? etero poi lesbica poi etero?’ o solo lusingata da attenzioni di un uomo capitato nel bel mezzo di una soloitudine infiniya?? e mi fa piacere solo avere tante attenzioni solo perche la mia ex non mi ha mai mostrato un particolare..diciamo senso ddi protezione a me?? che ora trovo in un uomo?? insomma che cavolo sto a fa?????????????????????????????????

  34. sorry per il pappone..ma sto cercando di capirmi se quLCUNO MI AIUTA A FARLO LA PIANTEREI DI….FARMI PIPPE MENTALI….E CAPIRE SE SONO UNA LESBICA SOLA E ABBANDONATA O UNA LESBICA LATITANTE ETERO

  35. Sylvia, calmati. Questo è un blog, chi ci passa ci scrive e non si sa mai quando qualcuno ci passa, tantomeno io che lo scrivo…
    ahhh bè, bella domanda che fai.
    Personalmente non ho idea di cosa risponderti. Immagino che facendo analisi qualcosa tu l’abbia capita.
    Gli americani dicono:
    “Some girls are straight, until they’re not”
    Alcune ragazze sono etero fino a quando non lo sono più. E viceversa.
    Segui l’onda, fai quello che senti, lasciati lusingare, resisti se vuoi resistere, torna se vuoi tornare.
    Le storie d’amore fanno male quando finiscono. E creano strane situazioni.
    In bocca al lupo.
    Direi che dovrei firmarmi:
    Zia Penelope.

    1. ah è magari spiega meglio a te stessa che intendi per maschile e femminile silvya, in genere aiuta.
      zia penelope, tanti merda per il tuo spettacolo, peccato che non ci sarà bella musica, eh approfitto del public space visto che in mail non rispondi: il nostro comune amico C* ha avuto un incidente, magari gli fa piacere avere un tuo saluto

  36. Scusate se mi intrometto in una discussione cosi difficile. Io come 99,99% dei maschi credo ho sempre avuto la fantasia di fare sesso con 2 donne. Voi direte, mah guarda un po sto porco…..
    Da 5 anni sto con una ragazza, la amo tanto anche se come tanti uomini non riesco a dimostrarlo proprio bene. Credo che anche lei mi ami in egual misura solo che lo riesce a dimostrare molto meglio di me.
    Qualche volta, tra una cosa e l’altra io a mo di battuta alla mia ragazza l’ho buttata li questa cosa. Lei la prima volta mi ha detto scordatelo, rimarra una tua fantasia e basta. In un altra occasione e stata un po meno categorica…. ma io non demordo.
    Ora su fb ho conosciuto una ragazza lesbica della ns zona. Con questa ragazza, che ha subito fatto degli apprezzamenti sulla mia ragazza sono stato subito diretto. E sembra che non le dispiacia l’idea, invece alla mia ragazza non ho ancora detto niente.
    Sapreste dirmi come potrei comportarmi? Io amo la mia ragazza tantissimo, solo che questa cosa mi intriga talmente tanto. AIUTOOOOO SONO UN PORCO SCHIFOSO?????

  37. Mi scuso per il mio stupido post qui di sopra. Rilegendo bene tutti i post & (about penelopebasta) mi sono reso conto che la mia e una domanda troppo “bassa” e stupida per questo blog. Diciamo che mi sono sentito un coglione…
    Ora, considero il mio precedente post troppo stupido e piu adatto a Yahoo Answers… o roba simile.
    Volevo inoltre dirvi che mi e piaciuto molto il blog, e la maggiorparte dei vostri post. Quindi, se non vorrete rispondermi a quanto sopra va bene lo stesso.
    Un saluto a tutte.
    Siete forti

  38. salve a tutti
    io non capisco ene ancora
    ecco, sto con una ragazza fantastica, e sono innamorata e ogni volta che chiudo gli occhi cedo il suo viso e sono felice
    ma il resto del modno dice
    che non sono lesbica che non lo sono mai stata quindi perché iniziare a 26 anni
    che è un periodo
    che amo le cose strane
    che sto con lei epr curiosità
    che sto con lei eprché mi vuole bene e io ero depressa dopo essere stata lasciata dal mio ex
    che ho avuto più uomini io di mata hari quindi non se la bevono che ora mi piacciono le donne
    che me ne pentirò, soffrirò piangerò e rimarrò sola
    che mi faccio del male come un eroinomane che è felice finché si droga ma poi muore di overdose

    Sarò forse una di quelle etero che giocano con le donne, ma se è così è davvero inconsapevole

    non ho mai voluto clamori o amato stare al centro dell’attenzione e ora i miei mi hanno fatto capire che me ne devo andare di casa, ho perso molti amici e lavoro in contiunazione epr dimostrare a tutti che valgo anche se sto con una donna, già anhce se, come se fosse un meno della mia vita, è orrendo a dirsi ma è il mondo dove vivo e dove sono cresciuta
    Vorrei a volta non averla mai baciata, vorrei tornare ad essere la frustrata sessuale che ero che andavo in giro con chiunque senza troppi problemi, eprché almeno non mi facevano sentire tanto sbagliata, assurdo vero?

    1. Lo chiedi a me, lisa?
      So di cosa parli, posso immaginare come ti senti.
      Va via, vai altrove e fai quello che senti.
      Certo, detto così, mi pare la posta di Barbara Alberti, ma, comunque, l’importante è staccarsi di dosso gli stereotipi altrui, i limiti altrui, le paure altrui.
      Perché non appartengono a te.
      Buona fortuna.

  39. grazie, può sembrare banale e forse lo è,ma comunque grazie per le tue parole, sono servite.
    Io sono gay, perdonatemi lesbica ancora non mi viene ho ancora nelle orecchie mia madre che ripete guardandomi disgustata questa parola e preferisco definirmi gay, omosessuale, toh anche sessualmente confusa, sessualmente deviata, quello che vi pare ma lesbica no, che l’associo alla smorfia schifata di cui sopra.
    Ma dire che sono gay mi piace..vabbè sto divagando
    cmq
    grazie

  40. Mi intrometto tanto per non fare la figura dell’impicciona che legge e non partecipa…
    Lisa, mi raccomando scegli la tua felicità e non la tranquillità di tua madre!!!
    Non è necessario cercare di definirti “lesbica”, cerca di definirti “felice”….
    In bocca al lupo..

  41. Sono una lettrice curiosa di questo blog, ciao a tutte/i! Che dire, se incontrassi oggi una persona intelligente e stimolante come te, mi sa che 30 anni di eterosessualità verrebbero seriamente messi in discussione. Non lo so, forse dopo una cocente delusione che dopo 3 anni non ho ancora superato del tutto ho solo bisogno di amare ed essere amata di nuovo, non importa come e da chi. Mi hai confusa!

  42. Ciao a tutte …ciano Penelope leggo sempre il tuo blog e che dire è fantastico … io sono una povera quarantenne in cerca di amore ….ne ho tanto da dare ma è tutto così difficile e complicato ….
    Ehi Zia Penelope scrivi che i tuoi post mi mancano da morire e mi aiutano tanto

    Ti prego Zia PENELOPE io sono più in confusione di tutti AIUTO !!!!!!
    Esiste qualche bella quarantenne per me ??

  43. Signore, dato che siete tutte adulte, in cerca di qualcuno e, oltretutto, tutte di Roma, perché non vi incontrate?
    Se volete posso fare da paraninfo e mettervi in contatto l’una con l’altra dato che io ho le vostre mail, oppure, datevi un appuntamento da qui.
    Dopodichè mi apro un’agenzia di incontri lesbici.
    ‘Na svolta.
    Baci e abbracci a tutte voi.

  44. Ciao Penelope non sarebbe infatti una cattiva idea …ehi signore sono qua !!!!!!

    Già scrivere per me non è facilissimo anzi … stò leggendo un pò tutti i vari post.
    Ragazze cerchiamo di aiutarci a vicenda e poi chissà !!! Posso darti un consiglio Lisa (bel nome peraltro) tieniti stretta la tua ragazza e goditi questo amore ..forse farsi tante domande è sbagliato vivi il momento

    Vi saluto e mi riaffaccio tra un pò sperando di avere un pò di risposte e commenti da voi care amiche di codesto blog.

  45. io credo che uno scrive su un blog per liberarsi di tutto e l’anonimato ti fà cadere ogni maschera ed inibizione…gli stati d’animo sono talmente fragili
    Per quanto mi riguarda quando sono giù devo stare da sola …non posso sbomballare le palle al mondo

  46. Io in realtà sul mio blog scrivo per egocentrismo, mi piace raccontare i miei pensieri e vedere che effetto fanno (anche negativo)….
    Mi piace scambiare idee, ma soprattutto sorridere con gli altri….è così originale ormai…

  47. Mi sono imbattuta casualmente in questo post condiviso da un mio contatto su Facebook…ormai ho letto tutto il blog!Complimenti Penelope!!!🙂

  48. a distanza di tempo torno su questo blog.

    sono una lei. sono alta e forte e per questo di primo impatto mi confondono con un maschio. ma questo da sempre. ho una netta energia maschile, fisica. eppure le donne che più mi hanno amata, mi sentono molto femminile. io non me lo chiedo. sono io. mi piaccio. credo che in ciascuno di noi esistano energie maschili e femminili (come diceva C.G. Jung), e che il nostro partner ideale le abbia complementari. credo nell’amore.

    amo le donne. sessualmente ho sperimentato anche il rapporto con dei maschi, ma.. non c’è paragone. il tipo di eccitazione è diverso. sono corpi. il mio corpo era pronto per fare sesso, la mia mente un po’ si annoiava. ho semplicemente scoperto che mi è possibile fare sesso anche con loro, e volevo in qualche modo togliermi questo pensiero, anche per poterlo escludere (primo rapporto completo con un uomo a 27 anni, con una donna a 15).

    ho avuto diverse esperienze sessuali, con donne diversissime tra di loro, per età, cultura, parti del mondo e orientamento sessuale: gay, etero, bisessuali.. eppure, con le lesbiche, tendenzialmente, ho amicizie o rapporti meramente sessuali. mi innamoro delle etero, del tipo ‘non sono lesbica, mi piaci tu perché sei tu’. di solito son la prima, e, in qualche modo, una parentesi. un grande amore che rimane sospeso, in qualche modo irrealizzabile. sì, perché in particolare, si innamorano di me le donne che vogliono diventare madri. e questo, io proprio non posso farlo. anche se lo desiderei tanto.

    per questo mi sono chiesta più volte, ed è stato veramente doloroso.. se in realtà io non sia un uomo “imprigionato nel corpo di una donna” (cito una definizione che ho letto quando si tratta di GID, disordine dell’identità di genere, delle persone che intendono cambiare sesso). infatti per molte cose mi ritrovo nelle descrizione che fanno, per il mio caso, sarebbe dunque un FtoM. quindi poi penso che se così fosse, non sarei altro che, invece di UNA lesbica, UN etero. e la testa inizia a non capirci più niente, il corpo si sente sbagliato sia come corpo di donna che di uomo. anche se ho visto dei video di trattamenti con il testosterone, incredibili, tra tutti, cito questo di 3 anni di trattamenti: http://www.youtube.com/watch?v=PyqZClILY2U . eppure non so se mi leverei mai il seno, o farei l’operazione per togliere le ovaie.. e rabbrividisco al pensiero di avere le palle! o di togliermi parti di pelle per farne un simil-pisello.

    io nel mio corpo sto bene, mi piaccio.. in più amo la natura e penso di farne parte anche io, indipendentemente dal tipo di definizione sociale.. e mi sembra quindi di essere un errore, in qualche modo, perché non potrei mai fecondare la donna che amo. e talvolta mi chiudo in un guscio e dentro ci scrivo ‘perché non sono un maschio!?’.. per poi guardarmi le mani e poi allo specchio gli occhi e dirmi che sono unica.

    cmq… al momento ho una storia con una ragazza di due anni più giovane. stupenda, bellissima, intelligente, simpatica, creativa, attenta, profonda.. insomma, le ha proprio tutte!! era tanto che l’attendevo.. le mie esperienze le ho fatte, e non mi interessano più gli inciuci tanto per.. lei, invece, ha avuto poche storie e solo con uomini. è così speciale che fa innamorare tantissime persone, ma non si concede facilmente.. e questo mi piace tanto! inutile dire sono stata la prima anche per lei.. che ha una sessualità spiccata, istintuale e totale. adoro stare con lei. ma quel suo corpo così perfetto, desidera, e io voglio che abbia, una perfezione anche fisica.. perché per tutto il resto, ci completiamo alla perfezione.

    non voglio usare oggetti, a lei piace che io goda con lei. eppure le mie mani e la mia bocca, seppur le piacciano tanto, non bastano. recentemente mi sono.. ‘impegnata’ di più, e devo esser stata così simile ad un pene, che lei ha pianto perché non ci poteva credere. l’amore può tutto, è l’unica mia religione. ma pene e vagina sono fatti l’uno per l’altra e viceversa. e io voglio essere perfetta, corpo e mente per lei.

    e questo turbinio di pensieri continua ad alternarsi. e poi vivo e sto bene e sto male. respiro, cammino, lavoro, esco, facciamo l’amore ed è bellissimo.
    eppure vorrei darle di più. e vorrei un giorno, metterla in cinta e crescere un figlio nostro.

    non so quanto sia possibile o fino a che punto. penso anche all’adozione.. ma vorrei fosse carne e ossa nostri. la lampada di aladino non esiste, vero?

    così. riporto la mia esperienza e se qualcuno ha qualcosa da dirmi, è ben accetto. e, grazie di questo blog.

  49. Ho letto tutti i commenti e sono rimasta un pò confusa, delusa e quantaltro da queste “classificazioni”… Vorrei capire x’ una “lesbica” non potrebbe considerare seriamente una “etero”. Per anni ho amato uomini, ma adesso amo Lei, una donna. E non so cosa sono, e non mi preme affiggermi un etichetta, la amo e basta, la amo come si può amare qualsiasi essere su questa terra. E vorrei tanto viverla… peccato che ami un altra. :(((((( E io sto zitta e me ne sto al mio posto, e fa un male cane.

    1. Mi dovete aiutare per una situazione tutta particolare e ho bisogno di consigli per capire…non ho mai pensato a me come a una lesbica ma mi sento per la prima volta attratta da una donna..molto attratta.
      Il problema è che non capisco se la cosa è reciproca o meno,anche se è stata lei ad accendere il tutto con dei gesti strani..io neanche ci pensavo!!!
      Vi spiego riassumendo..conversazione a tavola in gruppo e lei seduta davanti a me,mentre qualcun altro sta parlamdo,mi fissa profondamente..con il tipico sguardo che un uomo riserva a una donna..è la cosa si ripete ripetutamente..poi,continue ricerche di contatti anche piccoli ma frequenti..prendermi il polso per guardare l’ora quando lei al polso aveva un orologio enorme!quando siamo sedute vicine le nostre braccia molto casualmente sono sempre in contatto,una volta si è protesa verso di me per parlare sottovoce perché eravamo a teatro e ci siamo praticamente ritrovate fronte contro fronte e i nostri due baci di saluto non sono come quelli comuni tra due amici o parenti ma un vero e proprio contatto labbra guancia un pochino più profondo(li fa dare a me ma è lei che si pone così)…io non so più che pensare perché ora,visto che anche in me è scattato qualcosa di strano,non riesco più a capire se sono io che involontariamente istigo e che mi sono solo fatta un film io in testa!
      Voi cosa ne pensate?qualcuno che ha più esperienza di me potrebbe darmi una sua opinione?sono confusa!!

      1. un appello disperato…
        questo blog, Laura, ha perso un po’ attenzione e cura, da parte mia. Anche perché non mi sento più in grado di dare risposte, consigli o di sapere davvero cosa sia meglio o giusto fare.
        Se fossimo in un paese normale ti direi di lasciarti semplicemente andare. Ti piace, hai l’impressione di piacerle… bene, sia quello che deve essere. Al massimo ci prendi un “no, hai capito male”. Una di quelle cose che succedono nella vita e nelle relazioni sentimentali. E se fossimo in un paese normale non ci sarebbe altro da dire.
        Ma non siamo in un paese normale, quindi “lasciarsi andare” diventa un’impresa ardua come fossimo damine del settecento che “non lo fo per piacer mio ma per dare figli a dio”.
        Cosa ti mette in difficoltà? il fatto che sia una donna?
        cosa conta di più: che ti piace molto o che non è una cosa normale?
        Quello quell’è. Tu cosa diresti ad una tua amica che ti venisse a raccontare una storia del genere con protagonisti un uomo ed una donna?
        Però, se puoi, cambia le cose.
        Lasciati andare e quello che sarà sarà.

  50. Grazie di cuore per la tua risposta!il mio problema non nasce né perché lei è una donna nè perché ho paura di un rifiuto,quanto dal fatto che le nostre rispettive posizioni sono un po’ compromettenti (stile medico e paziente per intenderci e giusto per fare un esempio)quindi un eventuale slancio da parte mia deve essere necessariamente ponderato..non posso permettermi altro..è solo che quando sono con lei avverto quella netta sensazione del corteggiamento,così come avviene tra uomo o donna,ma molto più sottile,più soft..una questione di energie strane che non so spiegare..e vista la mia inesperienza mi chiedevo solo se qualcuno potesse darmi un consiglio o potesse aiutarmi a capirci un po’ di più..e soprattutto mi piacerebbe capire se ciò che avverto è solo frutto della mia immaginazione.
    Ho molte amiche donne con le quali ci scambiamo gesti anche molto affettuosi, ma mai con nessuna mi é capitato di avvertire questa particolare sensazione,tensione…
    Grazie cmq per il tuo messaggio!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...