G.C.

Soundtrack: Teresa De Sio Voglia ‘e turnà

La vetrata è aperta sul vecchio padrone violaceo che non si vede, oggi.

La foschia è un velo pesante che lo copre fino a farti illudere che esista un est, in questa città.

Il mare aggiunge un effetto Parkinson alle luci del Golfo.

Bianche, gialle, arancioni. Senza ordine, senza percorso.

Il mare appoggia l’odore dei suoi frutti su uno scirocco pigro e slabbrato.

Dal cortile salgono accenti arabi urlati in cantilene saracene. Non c’è modo di tradurre.

Ma la ferocia si lascia comprendere perfettamente.

La folla è densa, ampia, grassa, invadente, senza confini.

Le donne sono donne.

Gli uomini si guardano intorno costantemente come prede consapevoli.

Il rumore è continuo, ininterrotto ed è fatto di gole e lingue e auto e camion e asfalti accartocciati e motorini e clacson e canzoni e litanie.

Gli odori li conosco. Sono ancora uguali. Sono ancora fatti di pranzi domenicali interminabili e pesce da pulire e friggere. Migliaia di pentole piene della stessa cosa.

Dietro all’angolo qualcosa è stato rifatto, ricostruito, modificato e ti blocca i battiti. Sembra bello.

Ma qui niente è mai bello troppo a lungo. La bellezza è un nemico, un fastidio sgradevole, la prova che potrebbe essere quello che non è. Bisogna rimettere le cose in equilibrio.

L’energia sotto i piedi scorre ad una velocità intollerabile. Come facevo? 

La luce è violenta. Il buio delicato.

La città non dorme.

il mare non dorme.

Il vento non dorme.

Io non dormo e mastico scirocco.

Cerco tracce dei miei affetti come un cane da tartufo. Non ce n’è bisogno. La posso vedere coi miei occhi seduta sul divano. Mi ci accarezzo la faccia. Quello che conta è qui davanti. Non c’è bisogno d’altro. Col naso spingo un po’ perché non si accasci sotto ai colpi del dolore. Con la voce ascolto la voce che arriva da lontano.

Saluto strade e nomi. Torno a casa?

 

15 thoughts on “G.C.”

  1. @Alice: uff, non son capace di reggere i complimenti, lo sai. Io credo che un giorno la troverò, Casa. Ma non so in quale giorno, però.
    @Alf: hai ragione, ma il week end è passato in pigrizia con il fab pigrerrimo e a lasciar scivolare il tempo con le chiacchiere. Era una bolla protetta e ne avevo bisogno. Alla prossima chiamo, prometto.
    @Tribus: hai avuto culo… le scorse settimane ‘sto blog è stato di una noia piatta e mortale.
    @Crila: Tu ti ammocchi tutto, non fai testo…

  2. noia un accidenti: ho letto tutto il pregresso e i dolori della giovane penelope non passano indifferenti anche se ciò che scrivi non sempre è accarezzato da Calliope.
    Ma dimmi: ma te tu tutto ciò lo conservi o se crolla il server è tutto perso per sempre? Perchè in tal caso provvedo io a backupparti. Anzi, quasi quasi lo faccio senza dirti niente e ti mando poi un insieme annuale, come faceva Orioles.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...