Adult Toys & Peoples

Soundtrack: Emma Lanford – Pornorama

Come sapete mi vergogno sempre un po’ di parlare widely di faccende sesso-inerenti.

Quindi sarò cauta, piena di eufemismi e secondo me pure imprecisa, non potrò certo tenere il passo con Collezionediuomini o il Sarcotrafficante, epilati linguali frequentatori di penelopebasta.

Gli Adult Toys o Sex Toys sono attrezzi sessuali per adulti (e ci mancherebbe…) di ogni genere, forma e funzione, adattabili ad ogni necessità più o meno immaginabile.

Ma non è questo che mi interessa.

Sono questione di discussione da sempre.

C’è sempre qualcuno che dice: “Io? nooooo, mai!”

Mai è una parola inutile. E se poi qualcuno/a te lo fa provare e ti piace? e se poi te lo regalano a natale in carta dorata e fiocco rosso?

Ma neanche questo mi interessa. La gente dice “MAI” su cose ben più sostanziali di questa. 

Miii, coma la sto prendendo larga. Quindi mi atterrò al cosiddetto “schema descrittivo” che insegno ai cicci piccoli per facilitargli la vita.

1 – CHE COS’E’?

Non è uno, ne sono moltissimi. Sono oggetti. Sono sconosciuti ai più, creativi come nulla altro, maneggevoli, di supporto per coppie più o meno amalgamate e grandi amici di buona parte del mondo lesbico (chi lo nega è vergine). Spesso dotati di vita propria, in altre occasioni adattabili al corpo umano. Si possono utilizzare con una o due mani, con il telecomando, con un laccio (Strap-on) applicabile in vita, alle cosce, alle braccia, al mento (eh eh, questo secondo me non lo avete mai visto, andatevelo a cercare) uso protesi, possono essere mangiati, possono essere applicati sul corpo altrui al fine di tener finalmente fermo il/lo/la/i/gli/le partners e farlo/a/i/e stare cionco/a/hi/he e zitto/a/i/e (che a volte è meglio). Alcuni di essi sarebbe meglio usarli al buio, che a vedere il partner in tal guisa può far scattare crisi di risate incontenibili, altri sono esteticamente s-p-l-e-n-d-i-d-i, da poggiare in bella vista sul buffet del soggiorno. Le lesbiche finiscono sempre per comprarne uno. Le scene al sex-shop sono standard (guardo-non guardo, rido-non rido, indico-non indico, avrei domande da fare ma mi metto scuorno, parla tu-no parla tu). Poi si sostiene che è per divertimento, un paio di volte e poi basta, massai se volevo un pene mi fidanzavo con un uomo… Il problema è quando si lasciano, diventa necessario un avvocato per stabilire l’affidamento dello strap-on. Alcune arrivano ad accordarsi per due week end al mese e una vacanza per una. 

2 – COM’E’?

Oggetti sessuali riproducenti organi sessuali maschili e femminili nelle loro forme più semplici (roba standard da uso quotidiano), ma anche a guisa di oggetti che mai mente umana poco avvezza alla ricreazione sessuale. riuscirebbe a concepire se non con un po’ d’aiuto da parte di amiche scafate. Le dimensioni variano in modo impressionante. Ce ne sono di minuscoli da applicare sotto gli indumenti e utilizzare con il telecomando wireless (“Presto, autista, la signora si sente male!” “non si preoccupi, è un orgasmo, mi è partito il tasto on della butterfly nella calca”) e ce ne sono per gay irrefrenabili (mutanda con fallo anale incorporato all’interno). Palline, paperelle, coniglietti, monaci zen, penne, orsetti, pinguini, girasoli, delfini. Uno di tutto. Studiati per punti G e punti R, in grado di raggiungere punti degli organi interni che manco sapete che esistono (gli organi interni). Trasparente o color pelle (etnicamente parlando), matto o lucido, dal giallo al nero coloratissimi. In Asia riprodurre gli organi genitali è/era reato, così sono stati loro a inventare tutte le forme alternative a quella anatomica in commercio. Anche in questo caso, il proibizionismo supporta lo sviluppo tecnologico.

3 – Di COSA E’ FATTO?

Plastica, latex, plexiglass, vetro (quello pyrex, giuro), gel, cuoio, acciao, silicone, fintapelle (spero). Le lesbiche non vogliono sapere di cosa è fatto. Chissenefrega, abbasta che funziona. 

4 – A COSA SERVE?

Secondo il Fabolous, serve a provare che il mondo ruota intorno al pene (quello è assai cazzocentrico, il fab) e, che, fondamentalmente le lesbiche lo usano perché, sennò: “Che cazzo fanno?”. Non per niente si chiamano giochi. Credo serva a divertirsi, a giocare e fare cose nuove. Sono oggetti necessari per allontanare lo spettro della LBD (lesbian Bed Death) e per creare piacevoli diversivi a letto (“sì ma alla prossima lo uso io”, “No tu no”, “Sì dai”, “Aspetta, un altro giro e te lo do” Io! Io!”, “don’t bogart that strap-on my friend”).

5 – CHI LO USA?

Chi mente e sostiene di non usarlo, di solito.

6 – DOVE SI TROVA?/DOVE SI COMPRA?

Il problema vero, non è comprarlo, che qualcuno che non si vergogna ed entra nel sex-shop lo si trova sempre, ma ritrovarlo dopo averlo nascosto. Non so per gli etero, ma nelle case delle lesbiche c’è sempre una madre che rovista i cassetti, un’amica ospite per un mese e mezzo, un nipotino di 4 anni e così via. Dopo i primi tempi di uso reiterato e ossessivo, come sempre nelle grandi passioni, bisogna pur nasconderlo da qualche parte. Dove? Nel marsupio all’interno della valigia dentro la cesta sul soppalco, nella scatola delle scarpe dentro alla sacca da tennis chiusa nel box ikea sull’armadio, nella scatola degli attrezzi (ogni lesbica ne ha una capiente) avvolto nella carta di giornale dentro all’armadietto dei medicinali sotto al lavello.

“Tesò ‘ndo cazzo sta?”.

“Dove lo hai lasciato l’ultima volta”

 

 

18 thoughts on “Adult Toys & Peoples”

  1. Qua e’ sera, da te e’ notte. Bello tornare e trovare un pezzo divertente. Anche se mo’ tutte le frequentatrici del blog mi odieranno, ma…pazienza. Ah, sul posto in cui sono hai trovato un teorema: la volessimo fare una pubblicazione insieme?

  2. Ad un’amica etero regalammo il rabbit vibrator.
    Lei diceva “no no mai!”.
    Ti dico solo che ora la chiamiamo Jessica Rabbit.
    A furia di usarlo, quel povero rabbit è diventato un coniglio transgenico post-chernobyl.

    un saluto..e dimenticavo: io sex toys? NO NO MAI!😉

  3. FINALMENTE!!!
    I SEX TOYS SONO DA PROVARE
    ASSOLUTAMENTE!
    IN GENERE QUELLE CHE DICONO
    ” NO IO MAI…PER AMOR DI DIO
    E’ COME UN CHIUDERSI IN DEI RUOLI…
    SIAMO LESBICHE PER EVITARE QUESTO….”
    E ALTRE MENATE SIMILI DA “LSB RADICALE-IO VORREI TANTO MA HO VERGOGNA A DIRE CHE VORREI USARLO”
    CHE HO SENTITO PURTROPPO SU USO DI QUESTI SIMPATICI OGGETTI
    NON NE FANNO PIU A MENO.
    NATURALMENTE USARLI SENZA PRENDERSI TROPPO SUL SERIO E DIVENTARE OSSESSIVE. E’ LI IL SEGRETO.
    MA SI PAREA E SI DIVERSI”FICA”!
    BUONGIORNO A TUTTI!
    I LOVE YOU SO MUCH AND SO HARD!

  4. Dove abito io c’è una strada a percorrenza veloce sulla quale hanno messo un distributore di sex toys….che è fatto tipo il distributore di sigarett.
    Tu ci INFILI la tessera sanitaria o la patenta qualla nuova magnetica, lui verifica dalla data di nascita che hai almeno 18 anni e poi si aprono le tendine ed escono in bella mostra tutti precisi in fila filmini, vibratori, preservatici….che risate io ed il mio migliore amico ci abbiamo passato na serata davanti a quel coso. A me i sex toys mi intrippano un casino e mi faccio sempre i giri sola soletta nei sexy shop però non trovo la materia prima per provarli….na femmena!
    Da sola mi scoccerei…

  5. Una volta mi sono fatto portare come souvenir dall’Egitto un frustino per Cammelli, avevo un amante esigente … in effetti beveva molto… ma forse siamo in un altro ambito…
    vediamovediamo … NO! io mai!

  6. @r: prego figurati, il piacere è mio…
    @Fab: che teorema ho trovato? cmq sì, qualsiasi cosa da fare insieme la faccio.
    @Sarco: Andrebbe avvertita la protezione animali in questi casi…
    @Quandoilre: diversi”fica”? lo trovo meraviglioso!
    @Omaha: donna d’onore, fui.
    @Auryness: grazie
    @Benny: prova con gli uomini, allora…
    @Alice: mi sa che abbiamo trovato il regalo di Natale per te.
    @Collez: sei il mio guru in materia, lo sai.
    @Altung: bello de casa…

  7. Io che sono genovese li compro online dove costano molto meno e c’è molta più scelta😮
    Trovo quelli da penetrazione molto noiosi e non li uso praticamente (alcuni sono begli oggetti di design, uno me lo metterei in salotto tanto è carino e non è escluso che lo faccia), a riprova del fatto che il mondo non gira poi così tanto intorno al pene, manco per una etero :p

    Il problema non è tanto il dire o non dire che li si usa, ma quando li preferisci al fare sesso…. sigh.

    Grazie per il bel post comunque🙂

  8. Io è da un po’ che capito per caso nel tuo sito, ma devo dirtelo..te sei un genio..
    Pensa che sono capitata qui perchè ricercavo in maniera ossessiva compulsiva notizie su jennifer beals, ma i tuoi pezzi meritano quasi quanto la beals..scusami per il quasi..ma la beals è la beals..
    a questo proposito ,anche se con i sexy toys non c’entra(o forse invece c’entra eccome) ti invito a partecipare a questa petizione..dai un’occhiata😉

    http://it.answers.yahoo.com/question/index;_ylt=Ai.P7U29e8MopaoLQMks9C7xDQx.;_ylv=3?qid=20081108015408AANZVxN

    Io strumenti erotici non ne ho ancora usati..ma non appena trovo il coraggio di entrare in un sexy shop o una casa a cui farmeli inviare che non sia di mia nonna o dei miei..o con il portiere curioso..comincio ad organizzarmi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...