Nuove abitudini

Soundtrack: Cat Power (I Can’t Get No) Satisfaction

Mi spiace di non essere riucita a passare al Tumbler, iersera. La questione merita tutta la possibile solidarietà.

Oooohhh.

Ieri nipotazza a casa tutta la giornata. Aveva problemi di connessione ed è venuta qui. Così me la sono spupazzata all day long. Anche se lei è diventata un cyborg. Metà divano e metà computer, con cuffiette e microfono incorporati, che ripete le stesse frasi in inglese come le signorine del radiotaxi e si emoziona quando dall’altro lato le dicono “lovely”…

Stamattina sono uno straccio. Manco avessi fatto quali stravizi: Circolo degli Artisti e back home alle 3 e mezza. ottima compagnia, più che ottima, moltissimo ridere. Ormai ne sono totalmente dipendente devo dire,  ché non si può farne a meno delle ragazze (Alice, la Va**, la Omaha e la I**, i Pelati). Adesso mi sento come se mi avessero disassemblato e riassemblato alla rinfusa. Mamma mia che fracicume.

Persa l’abitudine.

In compenso mi capita di fare assai cose diverse dal solito. Per necessità, certo, ma pur sempre diverse.

Per quasi 30 anni ho fatto colazione allo stesso modo. Giuro. Lo sanno tutti. Trent’anni di caffellatte e oro saiwa. Mezza confezione ogni santissima mattina. Avrebbero dovuto darmi un premio fedeltà, pacchi premio annuali, medaglie al valore, targhe commemorative.

Poi ho cambiato. Un cataclisma. Sono passata alle macine. 15 anni di macine. Caffellatte semper. Devo comprare il megapacco ogni volta, sennò mi durano scarsi due giorni. Ogni mattina la zuppagna con tre macine a botta, la giusta temperatura che ammolla e non squaglia, il palato rivestito di uno strato cementifero al sapor di panna e nonsocchè. E poi altre tre e altre tre e altre tre. Fino alla soddisfazione assoluta di aver prosciugato del tutto il liquido caffellattifero.

Da una settimana, via le macine. Le provo tutte (ma non mi togliete il caffellatte che sclero e uccido): fibre, biscottini miserabilmente ipolipidici di ogni genere, fette biscottate e marmellata, merendine decolesterolizzate.

Mi sembra di avere cambiato personalità.

Dottor Jeckill e Mr Hyde.

Pare una cazzata.

Ma non lo è. Mi alzo dalla tavola colazionifera, la mattina, con difficoltà nel riconoscimento della mia persona. Che io sia posseduta?

Sto provando anche ad inseguire un sogno, anche. Mai fatto prima.

E con serietà e impegno.

Certo, sarebbe bene io facessi un corso per meglio prepararmi a ciò. Mi servirebbero un paio di parametri in più, per fare le cose per benino.

Ma ho una ottima consigliera. Ed è già un passo avanti.

Mi sa che devo trovare un modo per ridurre il fumo.

Non esageriamo, cambiare abitudini fino a questo punto mi pare troppo, mica sono Mandrake.

 

17 thoughts on “Nuove abitudini”

  1. penelope,
    minchia che costanza…fino agli oro saiwa, ci arrivo…ma la botta “nchiommosa” delle macine non si sopporta…io me la porto in giro tutta la giornata. no way, nun è cos.

    la mia colazione invece è la stessa da quando ho 2 anni: cappuccino corretto al whisky e un pacco da 12 di plasmon. Che fa bene al cuore e allo (s)pirito.

  2. Ciao Penny, mi sei mancata in questi giorni. Comunque ne ho approfittato per leggere le puntate passate della tua vita…
    Non so chi sia la tua consigliera, però mi permetto di dirti che:
    1) il caffelatte non si tocca ed è giusto, ma usa latte parzialmente scremato
    2) perchè non ricominci con gli Oro Saiwa? non sono molto più ricchi di colesterolo rispetto alle fette biscottate! Certo, purtroppo alle macine, almeno per questo mese rigido rigido (quando comincia poi ‘sto mese?), dovrai rinunciarvi, ma agli Oro Saiwa non devi!
    Qual è il sogno che stai inseguendo?
    Vabbè, QUALCHE sigaretta la possiamo tenere!

  3. Il sarcotrafficante e’ assolutamente imbattibile, secondo me. Anche se talvolta un po’ scatologico, ma ci sta…
    Penny, ma quali denti?? I chopsticks erano molto piu’ divertenti. E poi aveva una strana foglia sulla cosa, mo’ va’ a capi’ se si mangiava pure quella. Cmq, “just had thai”, non “just had a thai”, brutta sporcacciona.

  4. Il fab ha fatto un po’ di confusione tra mail e blog…
    Non tutti qui, mio caro Fab, sanno che sei stato ad una cena con giapponese nuda coperta di sushi a mo’ di tavolo e della quale tu non hai approfittato perché “just had thai”:mrgreen:

  5. caffè bruciato…appena bevuto(W.ieri ha messo le zampe sulla macchinetta).sigaretta.pronta per le prove.8.15 del mattino.cazzo.mi mancava.secondo me comunque la pasta con il pomodoro e ricotta è buonissima e le macine allappano troppo.p.s. i corsi perfezionano, i sogni spronano.

  6. Scusa Fab, pensavo davvero avessi fatto confusione, sennò non mi sarei MAI permessa, sai che la discrezione è una mia qualità….
    Alice, che dire? chissà se lombroso ha studiato le lesbiche…

  7. Le macine nuove nuove, appena aperte…..quel profumo che si sprigiona.
    Io ho idiosincrasia per alimenti aperti…non riesco a mangiarli.
    Mi piacciono ancora vergini ( gli alimenti)
    Ed un velo abbastanza spesso di nutella ngopp!
    Il massimo!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...