Zitta e a cuccia!

Soundtrack: The Ting TingsShut Up And Let Me Go (solo perché dice shut up)

Capitolo I

Zitta e a cuccia Penelope.

Vergognati per la tua presunzione, per le tue lamentazioni da bimba viziata e capricciosa, per i tuoi miagolii da affamata dotata di mangiatoia vascia (=bassa N.d.T.).

E dormi e sogna tutto quello che hai, più di quanto non ti sia guadagnata, gatta pigra.

Non hai da guardarti le spalle, felino di scena, c’è chi le guarda per te, mentre sfrantumi le palle a destra e a manca con i tuoi personali cataclismi e le tue preci mute e mutevoli. Chi ti copre non parla, agisce. Poche chiacchiere, c’è da fare.

Impara.

Per una volta fai quello che va fatto, palla di pelo, fa’ ciò che è meglio, ragiona e conserva, preserva e risolvi, ringrazia e stai zitta.

Che pure culo ci hai.

In questa serata molte cose in poco spazio.

No.

Poche e precise cose. Anche queste mie.

Comunque.

Capitolo II

Oggi record assoluto di visite al blog. Oltre 400. Mai viste tante in questi mesi. Che accade?

Chissenefotte di che accade, accade ed è già abbastanza.

Accadono un sacco di cose d’altronde.

S’è squetata l’Olanda, diceva la mia prof di storia di epoche pre-zoiche.

Mi sto persino disfrigidando.

Dovessi mai diventare meno acida di così?

Non sia mai.

Buonanotte a tutti, dormite e sognate babbo natale.

 

 

15 thoughts on “Zitta e a cuccia!”

  1. Ma che autore e autore. Appena tornato a casa: bella sorpresa, il Trovatore e’ stato molto bello, con cantanti per lo piu’ slavi con un lieve accento, e un conte di Luna nero che cantava in un meraviglioso italiano (eccetto che per la parola fulgòr, che continuava a pronunciare fàlgor, ma è peccato veniale). Ho dovuto rinunciare ad una cena per puro sfinimento fisico: non ero in grado di parlare altra lingua che l’italiano e di portare fuori altri concetti che quelli che realmente ho in testa, il che sarebbe stato inopportuno, dato il contesto. Quindi, un educato I’m gonna hit my bed soon e arrivederci e grazie. Questo il resoconto plain and straight (se la parola è lecita in questo blog) della mia seratina. Sono fattarielli, ma la vita è fatta soprattutto di quelli:) Baci e buona notte (per te buongiorno)

  2. te alla cannella e fogli bianchi.ex bianchi.prosecco e ancora fogli. realizzare i sogni. almeno provarci. le lagne fanno bene a volte.ps mi sa che con tutte queste visite tocca firmare assegno per le birre di domenica!!!

  3. E’ una frase tratta dal film “Colazione da Tiffany” in cui la protagonista (A. Hepburn) descrive la sua paura di “sistemarsi” usando la metafora del gatto e della non appartenenza.

  4. s’è squetata l’olanda, che ti sei andata a ricordare! mi fa ridere già così. domani mattina sarò a 300 metri da casa tua. se mi libero delle persone (di lavoro, of course) con cui sarò, ti chiamo, altrimenti …vicini, ma irraggiungibili.
    a prestissimo, mi auguro.

  5. C’è davvero stato un tempo in cui eri meno acida di così? Ovvero: ci possono essere possibilità che tu sia meno acida di così? Dimmi come posso fare, ti prego!

  6. Mi basterebbe prendere in pieno lo spigolo della colonna….Santo Cielo, finirò in galera per colpa di una bipolare in fase euforico-maniacale!!! Portami le arance, please! Ti occuperai di Giorgia e del suo disturbo fonologico quando io sarò in galera?

  7. @crila: tu lo spigolo della colonna lo hai preso da piccola, come obelix. Certo che mi occuperò della creatura. Ma basterà la tua assenza, scassacazzo di madre che non sei altro.
    P.S. io voglio renedere noto a tutti i lettori il fatto che tu, egregia dottoressa Crila, sei il mio diretto superiore. No, dico, ti sembra normale questa interazione?

  8. Dalle 22 di sera non sono più il tuo diretto superiore, ma solo una scassacazzo di mamma!!!!!
    Poi ti ricordo che il tuo diretto superiore ha coperto il tuo finto mal di testa perchè non volevi tornare al lavoro…sei sotto ricatto! se tu mi scateni contro la segretaria Demente, io tiro fuori questa storia….sei in mio potere ormai! Ah, ah, ah!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...