Ikea e Vecchi CD

Soundtrack: Frou FrouBreath In

Guarda guarda cosa è uscito dal cappello, Frou Frou. Incredibile.

Stasera ho meticolosamente sistemato i miei circa 300 Cd nel nuovo portacd dell’Ikea.

Rosso.

Le lesbiche all’Ikea si riconoscono sempre.

Sono quelle che si portano a spalla l’armadio Pax.

Tutto, compresi gli accessori.

E riescono a sistemarlo in una city car, non dico in una Smart, ma in una Twingo sicuro. Giuro.

E le lesbiche sanno montare qualsiasi mobile Ikea in 57 secondi netti senza invertire i pezzi. Hanno gli strumenti, il know-how, la pazienza e una infaticabilità che gli uomini se le sognano.

In comune con gli uomini, durante la ricostruzione del mobile Ikea, le lesbiche hanno le bestemmie, le maledizioni e la tendenza compulsiva a litigare con la propria compagna.

E adesso eccolo qui il mio totem rosso. Montato mentre in forno cuocevano i bastoncini di pesce.

Pieno pieno e diviso in: Italiani in ordine alfabetico per cognome; stranieri (sempre alfabetico per cognome, con qualche dubbio su dove sistemare la J e la K: prima o dopo la I?), compilation per titolo (l’articolo non conta) e – a parte perché non c’entrano più – la classica.

E’ uscito di tutto.

Non ho gusti musicali specifici, mi pare. Più che altro una inverosimile accozzaglia di roba dagli anni ’70 al 2000 e qualche punta anche anni 50. Dove cazzo li avrò presi?

E’ che ho anche lavorato in un negozio di CD. Avevo il conto aperto e potevo prendere qualsiasi cosa. Un intero album per un pezzo solo e, ora, non ricordo più quale pezzo mi interessava. E questi cd sono la metà di quelli che avevo, una parte consistente li ho lasciati alla mia ex fidanzata storica nel 1995 circa.

Il lavoro al negozio era allucinante e divertentissimo. C’era chi arrivava e canticchiava una canzone in una delirante tonalità pensando tu la potessi riconoscere, chi chiedeva “quel pezzo che dice: i love you”, chi voleva ascoltare qualcosa ma non sapeva dirti di che tipo, chi non sapeva pronunciare i nomi stranieri e chi lo faceva troppo bene. A natale mettevamo le casse fuori e ballavamo per strada. Il volume interno era da intervento ASL. C’era un settore denominato “new age” che raggruppava qualsiasi cosa non si sapesse definire, nei periodi di uscita di album sgamati, camminavamo tra pile di centinaia di Cd poggiati a terra (Mina-Napoli, per esempio, fu un delirio). Una tipa assurda telefonava e ordinava una cinquantina di Cd a nostra scelta per la barca o per la festa di capodanno o per il compleanno. Quando eravamo esaurite (tutte donne anche lì…) mettevamo i Prodigy a palla e chi entrava doveva urlare, non si abbassava mai il volume, MAI. Alla cassa ho combinato dei casini che la metà bastava e so impacchettare un cd in 2 secondi. Con il nastrino a rotolini.

Una vacanza ogni volta, devo dire.

Il negozio è fallito e io non ho pagato. Sarà fallito per questo? Naaaaa.

 

16 thoughts on “Ikea e Vecchi CD”

  1. Tesoro mio, vabbe’ che son omnisessuale, ma monto un benno in meno di un battito di ciglia… bestemmie per il fondino incluse! 😀

  2. @penelope: ma io do sempre ragione a tutti, ché alla fine nessuno abbia da dirsi incazzato… 😀

    (se devi montare librerie Billy, son bravissima pure per quelle. L’armadio Pax no: l’unica volta che ci ho provato mi è franto in testa…)

  3. ahahah sono assolutamente d’accordo sul pax!!!
    cmq ho scoperto che noi omossessuali abbiamo un’abilità particolare di empatia con i mobili ikea… secondo me studiano apposta la psicologia gay visto che sono i loro maggiori clienti!!!

  4. ma qualche allusione a sonica che si carica il benno in spalla causa penelope che si vuole per forza infilare sulle scale mobili con un carrello gigantesco che non ci passa?
    l’ho fatto solo per evitare che ti sequestrassero l’acquisto ingrata.

  5. @donasonica: sono ingrata per natura… u know.
    @sexindacity: welcome. Non so se studiano noi, a volte penso si concentrino sugli studenti fuori sede.
    @Acide: mava?
    @fac: ne sai qualcosa? bienvenue, ovviamente.
    @nelsoncocker: sì, “cazzo” qui si può dire.
    @Collezione: Invece io il pax lo so montare. Con le ante scorrevoli. :mrgreen:

    Tutti voi nuovi – almeno che io sappia – siete linkati nei visitorssssssssssssssss.

  6. … g h I j k l …
    dopo attenta riflessione ti confermo DOPO la I. 😀
    Per il pax poi ti chiamo, chè dobbiamo spostare la camera delle mostre. Non posso chiamare l’amico del piano di sotto a darmi una mano perchè anche il suo ha subito la sorte di quello di collezionediuomini.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...