Varie ed eventuali

arancio-battistini.jpg

Soundtrack: Eminem – Cleanin out my closet

Comunicazioni di servizio (in quanto utile per le lesbiche di Candalù e Torri di Quartesolo):

Per seguire la quinta serie di L word, scaricatevi prima un programmino aggratiss detto: ABC. Quindi andate sui siti che permettono di scaricare file Torrent (tipo mininova, ma basta digitare su google la parola Torrent). Cercate “L word s05” e mandate il download. Le puntate nuove sono on line già dopo due ore dalla messa in onda negli Stati Uniti, quindi ogni lunedì. Per chi ha difficoltà di lingua, si ha da aspettare qualche giorno e poi cercare i sottotitoli in italiano su Italian Subs Addicted, un sito di pazzi furiosi che sottotitolano qualsiasi cosa. Ecco, cosa fatta capo ha.

Per CP, che alcuni giorni fa appose comment sul blog e si risentì della mia mancanza di educazione, chiedo scusa e ribadisco il mio apprezzamento per il suo intervento. Mi preme anche avvertirla che ho messo la maglia di lana e che non tocco con le mani la buccia della banana.

– Ma quanto è bello sentire gli amici che si preoccupano della tua salute? –

Ad uno dei favolosi ribadisco che proprio non capisco perché non siamo regolarmente uniti in matrimonio. Parliamone, ma soprattutto parliamo un po’, perché mi manchi ciccio, quando non ci sei.

Assolte le incombenze d’ufficio, vorrei passare ad una faccenda, anzi due, che rimando da tempo ma che, invece, vanno fatte. E la soundtrack riguarda esattamente questo.

Ci sono cose che vanno chiuse definitivamente e, queste cose, si chiudono quando i ricordi cominciano a sorridere e quando si riescono a dare le giuste misure agli eventi, alle sequenze, ai fatti.

Ho condiviso 6 anni della mia vita con una persona che, in ogni caso, mi ha dato il meglio di sè al massimo delle sue capacità. Questa persona ha dato e ricevuto, mi è stata al fianco incondizionatamente e per quanto le fosse possibile. Non mi ha negato nulla, mi ha perdonato molto, ha cercato di non deludermi mai.

E le mie pretese sono sempre state elevate.

Si è adattata a me, mi ha amato, mi ha vissuto interamente. Io l’ho amata profondamente, ho visto ciò che di meglio in lei potevo vedere, le ho negato molto per presunzione. Siamo state bene a lungo, a lungo abbiamo passeggiato senza perderci niente di quello che aveva importanza per noi. Ha avuto la capacità di resistere alle mie provocazioni e ai miei furori, da signora d’altri tempi e, soprattutto, non ha cercato di uccidermi come io avrei fatto al posto suo. Voglio immaginare che lo abbia fatto – tra le altre ragioni – per affetto e perché mi conosceva molto bene. Ricordo le parole spese insieme, le serate infinite, i viaggi sempre emozionanti, le piccole follie. E’ stato bello svegliarsi la mattina accanto a lei in una infinità di luoghi diversi, bello passare le ore in macchina guidando e chiacchierando. Fintanto che lo abbiamo fatto, fintanto che veniva naturale. Vedere il suo sorriso in mezzo alle facce della gente mi ha sempre illuminato il cuore ed è stato doloroso realizzare che, all’improvviso, non accadeva più.

Per me come per lei. Malgrado tutto, senza lei, molte cose non le avrei fatte e sarebbe stata una perdita.

Faccio un passo indietro.

Tolgo il cappello.

Mi inchino.

Come si conviene tra gentillesbiche.

Resta ancora una cosa, in qualche modo persino più difficile per me. Si parla spesso di rapporti madre-figlia, di quanto siano formativi e/o devastanti per i pargoli. Avrei qualche considerazione da fare sui rapporti tra figlie e padri. In particolare quando le figlie hanno solo un padre (?) e niente più. Mi accorgo, scrivendo, che mi vengono in mente all’incirca 270 battute sarcastiche e feroci. Il che significa, evidentemente, che non sono pronta affatto per chiudere questo discorso qui. Quindi come non detto.

Prima o poi.

6 thoughts on “Varie ed eventuali”

  1. … che nostalgia he ho di voi!!!!
    Mi mancate come coppia; per me e M*, la coppia S* e F* era un binomio indossolubile, un concetto unico, una sola parola.
    Mi vengono in mente considerazioni adolescenziali, forse un pò patetiche per un trantaseienne che si avvia ai trentasette, ma perchè nella vita nulla è per sempre, perchè nella vita c’è sempre un inizio, un durante e una fine!
    Eppure nella mia visione della vita, un pò alla Alice in the Wonderland, credo, spero e mi auguro che su questa storia non sia stata messa la parola fine…. è solo una parentesi momentanea!!!!!
    L’amore che legava l’una per all’altra non può essere morto, non è detto che si sia trasformato…..

    Come sono patetico…..e nostalgico…. sarà la giornata di lavoro appena cominciata?
    Un bacio

  2. Strano, quando esprimeva rabbia ed odio per S* tutti non facevano che dartin ragione, poi dopo questo post grande nostalgia per questa coppia.
    Ehhh coem cambiano le cose;)

  3. @elide: ti atteggi a grande esperta della vita e a paladina della giustizia… per me sei solo una piccola presuntuosa!
    @penelope: con questo mi congedo dal tuo molto “democratico” Blog!
    Vi saluto

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...