Esegesi del brano: L word – Opening Theme

l.jpg 

Ovviamente Soundtrack: Betty – L word opening theme (ebbè) 

Come dicevamo, il brano più brutto del mondo.

Ma analizziamolo con cura. Ivi possono essere riscontrati riferimenti al mondo lesbico mondiale e ci sarà possibile effettuare paralleli con il nostro microcosmo e apprezzare l’internazionalismo della nostra condizione. 

Mi preme precisare che stamani sono alla mia sede di lavoro e, poiché non ho un cazzo da fare, mi applico per Voi.

  • Girls in tight dresses: ovvio che faccia riferimento alle Upper Lipstick, le uniche in grado di portare con dignità vestitini strizzanti, d’altra parte eravamo già a conoscenza di questo gemellaggio di categoria, proprio attraverso il telefilm omonimo del brano.
  • Who drag with mustaches: qui abbiamo modo di renderci conto che, persino negli Stati Uniti, sono costretti a convivere con elementi della categoria “Ciro”. Solo le “Ciro”, infatti, possono pretendere di rimorchiare senza essersi depilate prima.
  • Chicks drivin’ fast: Una lesbica al volante è una garanzia in tutto il mondo.
  • Ingenues with long lashes: ecco affacciarsi le Cripto, qui classificate come “ingenue” per delicatezza d’animo e per via della tipica tendenza americana a non approfondire. In realtà è un eufemismo per “cretine”.
  • Women who long, love, lust: donne che desiderano, amano, bramano. Direi che qui si tratta di concetti trans-categoria, escludendo le lipstick e le Upper, cui rivolgersi con il participio.
  • Women who give: frase di oscuro significato, soggetta a variabili di ogni genere e non sempre vera. Infatti, non tutte la danno.
    This is the way, It’s the way that we live: un tentativo di spiegare, con poche semplici parole, lo stile di vita che appartiene alle donne lesbiche del mondo conosciuto.
  • Talking, laughing, loving, breathing,fighting, fucking, crying, drinking,
    riding, winning, losing, cheating, kissing, thinking, dreaming:
    di seguito elencherò il recondito significato dei verbi selezionati dalla brillante musicista. TALKING: Parlare, fare chiacchiere, non concludere. LAUGHING: ridere delle disgrazie altrui, possibilmente della vita segreta delle criptolesbiche. LOVING: attività inutile  e senza costrutto alcuno. BREATHING: tormentare la partner con la propria fiatella. FIGHTING: organizzare risse tra camion in discoteca per l’ipotetico possesso di una Lipstick. FUCKING: raramente. CRYING: spesso e accompagnato alla forma verbale “e fotte” (for neapolitans only). DRINKING: attività particolarmente cara a varie categorie. RIDING: riferito ad eventuali attività fisiche delle quali però, in Italia, non abbiamo notizie. WINNING: lotterie, gratta e vinci ecc. LOSING: sempre  e comunque. CHEATING: l’unica forma di comunicazione conosciuta tra lesbiche, attività nota anche come “il gioco dei quattro cantoni”. KISSING: attività inutile che non porta assolutamente a nessuna certa o probabile conclusione. THINKING: no, qui nessuno lo fa. DREAMING: un continuo lavorio, in questo senso.
  • This is the way, It’s the way that we live, It’s the way that we live. And love: ci fidiamo dell’analisi dell’artista, ma ci riserviamo taluni dubbi in proposito.
Annunci

15 thoughts on “Esegesi del brano: L word – Opening Theme”

  1. …..”Mi preme precisare che stamani sono alla mia sede di lavoro e, poiché non ho un cazzo da fare, mi applico per Voi”….
    La giovane lesbica di Candalù ringrazia (oramai abbiamo un rapporto simbiotico).

    vorrei in questa sede precisare 3 cose:
    premesso che sono tre giorni che ce la meniamo co sta storia di del bacio tra bette e tina
    1) la colonna sonora fa veramente schifo, l’autore, se c’è, ha impiegato 3 secondi 3 a scrivere testo e musica. Gli sono avanzati un secondo e mezzo, ha trascinato la colf messicana davanti al microfono che l’ha cantata una chiaveca.
    2) il romanticismo espresso nell’ultima puntata della serie queer as folk, non ha propio niente a che vedere co sto bacetto lumacoso che si danno queste due.
    vedi link
    http://it.youtube.com/watch?v=0jsWpWqxdfI&feature=related
    3) gennifer bils non è affatto upper lipstick: è camion!
    la ricordo solo io quando calzava scarponi da fravecatore, e lavorava in una fonderia? è una parvenu!

    sempre tuo alf**

  2. Sono ASSOLUTAMENTE d’accordo con Alf*anche se non ci conosciamo.
    Piacere!
    Queer as folk era bello,nudo e crudo.
    E lo preferivo di gran lunga ad L WORD,che a volte era un po na palla e lentuccio bisogna dire…
    Puntata di Queer as….indimenticabile.
    Brian che balla nel suo locale, con dark room, riaperto dopo attentato e nella testa solo la musica che rimbombava e la vitalita’,il desiderio che dilagava nonostante le comuni beghe quotidiane quali amori,dolori,delusioni,abbandoni. Le pippe inutili (che abbondantemente le lesbiche si fanno oltremisura troppo spesso) alle spalle.
    Che leggerezza!

  3. caro/a C* perchè non sveliamo le nostre pernacchiette e inauguriamo un darkblog?
    scusa Pen ma si sa: “ogni lassat’ e perz’ “!
    mi scusino le popolazioni mondiali, ma è meglio non tradurre.
    sorry!

  4. SI dai, dai, dai DARK ROOM! DARK ROOM! DARK ROOM!

    Alf, mi fai troppo ridere!!!!!
    Ma in questioni di amore sei sfacciato come nei tuoi post… oppure no? Fammi sapere che ho un consiglio da chiederti!

  5. Vedo che il tema interessa alquanto….
    sfiliamo le nostre pernacchiette un poquito a la ves…
    come uno streaptease d’altri tempi.
    Ho l’animo timido.

  6. dark room? spogliarelli? what is this all about? questo è un luogo serio di disciplina e apprendimento. un cammino ascetico che passa attraverso l’osservazione antropologica e l’esegesi di testi fondamentali. tornate tutti al vostro posto, rimettete le pernacchiette o brucierete tutti all’inferno!!

  7. Ahahahahahah nun c’a’ facc….
    Comunque parecchie persone (anche lesbiche) mi hanno detto di preferire Queer a TLW.
    io personalmente lo guardo per sfizio e per rattusamma (only for naples people) ma è come guardare beverly hills 90210….come fa una di Napoli a riconoscersi un minimo in questi telefilm jamm!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...