Ancora pensieri

topo.jpg

Soundtrack: Rob Eberhard Young – Trance Dance

Questa è un’altra di quelle sere che mi tormentano un  po’.

Ho centinaia di pensieri in testa e nessuno in particolare. Sensazioni uguali e contrarie, poca chiarezza e molta nebbia nelle cervella.

Bella partita a biliardo çe soir, la prima che io ricordi senza lamentele infinite nelle orecchie (se la palla non va in buca è perché: “la stecca non va bene, il tavolo non va bene, troppo inclinato, troppo vecchio, troppo freddo, troppo tempo che non gioco e tu sei una incapace…”). La mia amica EsseEffe ed io abbiamo perso dignitosamente contro R&B: 2 a 1 e l’ultima sul filo del rasoio e ho fatto persino buche di sponda.

Ma ormai mi capita assai di rado di guardarmi indietro, qualche volta accade e, perlopiù, mi vengono pensieri un po’ teneri e un po’ impietosi allo stesso tempo. Sto anche facendo un corso di formazione praticamente di fronte a dove abitavo prima e, in verità, non è stato così devastante come pensavo.

C’è stata mia sorella, questo we, e mi fa sempre piacere vederla e passarci un po’ di tempo, anche se parliamo poco o niente.

Mio padre ha il terrore sacro di chiamarmi per dirmi quello che deve e rimanda all’infinito sperando che qualcuno lo faccia per lui.

Il gatto della R** non sta bene e capisco quanto possa essere preoccupata.

La mia gatta rompe i coglioni orgogliosamente, e a me va bene così.

Archiviato il due di picche.

Ad un corso di formazione dove si parlava, tra l’altro, di aggressività, ho ascoltato, con le mie sante orecchiuzze, codesta affermazione: “In un esperimento sull’aggressività, sono stati inseriti, in uno spazio ristretto, un elevato numero di topi. Si sono riscontrati comportamenti molto aggressivi, fino al cannibalismo e persino omosessualità. Quindi due comportamenti estremamente aggressivi.” Parole pronunciate da due psicologhe.

Ma mi sono rotta il cazzo di stare a sentire tali quantità di stronzate.

Comunque, ne hanno dette anche altre, sempre associando aggressività e omosessualità.

Magari hanno ragione e io sono così aggressiva perché so’ lesbica. Non conta che mi abbrucia la cervella perché arrivo a fine mese con i salti mortali, che giro per Roma e penso che proprio questa città non mi riesce ad appartenere, che i miei migliori amici stanno a Napoli, che se non mi muovo io non li vedo mai, che gli amici che ho a Roma sono meteore, che faccio un lavoro che mi succhia via l’anima a sorsetti piccolini e che non ho ancora capito uno stracazzo di quello che voglio.

E tutto sommato penso che se lo sapessi, semplicemente non potrei ottenerlo.

A volte ho paura, ma così tanta paura da non sapere di che cosa.

Non riesco a ragionare molto bene in questi giorni. Ma non mi sento molto a mio agio. Sarà la decima volta che cambio la mia vita, radicalmente, e la decima volta che mi caco sotto.

Non imparo molto, pare. Ma non è che sia facilissimo contare esclusivamente su me stessa. A volte è un po’ faticoso e mi fa sentire sola. Sono brava ad immaginarmi mondi di Oz dove non c’è spazio per tristezze e cedimenti, ma non abbastanza da non far penetrare neanche per un attimo la realtà delle cose. E la potenza che raggiunge la realtà in entrata, dipende molto dalla resistenza fatta per impedirlo. Come il mare nella falla di una nave, come l’aria compressa in una pistola, come le ceneri e il gas di un’eruzione.

Vorrei essere davvero capace di affrontare ogni cosa senza paura e di passare attraverso la vita con la leggerezza di una piuma d’oca. Vorrei sapere cosa fare nei momenti nei quali è necessario saperlo. Vorrei sentirmi forte quando ne ho bisogno.

Ma non sono la maga del tempismo.

 

 

 

 

Advertisements

3 thoughts on “Ancora pensieri”

  1. abbiamo perso perchè non abbiamo barato e non ci siamo incazzate non essendo una coppia. tutto qua!!!!

    per quanto riguarda la cosa delle due psico?loghe posso dirti solo che in una newsletter dell’ordine di 15 giorni fa si recitava “L’Ordine degli Psicologi del Lazio, in data 9 gennaio 2008 ha chiesto al CNOP l’inserimento di un punto all’ordine del giorno per sottoscrivere un documento che prenda una posizione netta e decisa disconoscendo qualunque trattamento mirato a modificare l’orientamento sessuale del paziente.

    ……….A rafforzare la posizione dell’Ordine, l’8 gennaio e’ intervenuto anche il Presidente del CNOP Luigi Palma, ribadendo che “Lo psicologo non deroga mai ai principi del Codice Deontologico. Nessuna ragione ne’ di natura culturale ne’ di natura religiosa, di classe o economica puo’ spingere uno psicologo a comportamenti o ad interventi professionali non conformi a tali principi”.
    rif. http://www.ordinepsicologilazio.it/uploadima/@Newsletter%202008/@Newsletter%20n.%202%20del%2011%20gennaio%202008.html

    Ora, premesso che questa newsletter mi ha fatto incazzare per la banalità e la scontatezza, che facciamo con queste due tipe qui le facciamo radiare o gli mandiamo la newsletter per e-mail? Fatti dire chi ha fatto questi studi (inesistenti) che facciamo radiare anche loro…

  2. Non sei sola. Mai. E solo questo dovrebbe alleggerirti.
    Qui forse hai meteore. Ma sai che c’è un posto dove hai gente che ti adora. E questo resta, ovunque tu possa essere.
    Però capisco. La difficoltà e il dolore. E sai che lo capisco.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...