A qualcuna in particolare

mistress2.jpg

Soundtrack: Z Star – Rosemary’s last kiss

A qualcuna in particolare direi che potremmo far evolvere la nostra relazione e passare perlomeno dagli sms alla chat.

Mi rendo conto che può essere considerato un passo impegnativo, un eccesso di esposizione, una indesiderata ammissione di coinvolgimento, che potrebbe dar luogo a fraintendimenti e addirittura attivare una comunicazione costruttiva, ma la mia povera testolina affaticata non regge più il ritmo di botta e risposta fulminante e, inoltre, se ci incontriamo vis à vis che facciamo? ci fotografiamo e ci mandiamo un mms? (in tal caso dovresti quantomeno indossare guepierre di latex con lacci rossi, cappello da ufficiale tedesco e stivali di pelle nera sopra al ginocchio con il tacco a spillo d’acciaio).

Mi piacerebbe essere propensa e pronta per un corteggiamento fantasmagorico fatto di brillante intelligenza, sagacia, accortezza, imprevedibilità e scattante prontezza agli schiocchi di frustino.

Ma non lo sono.

Si ha da portare i bagagli in luoghi meno impervi e più limpidi, dear Mistress, considerando che, se devo parlare della tua categoria, ho da approfondire l’argomento.

Allora che si fa? si gioca, potresti dire tu. E hai ragione, ma chi, tra noi due, gioca per partecipare?

Io ho ancora da ringraziarti per come mi hai fatto sentire domenica sera, credo di averlo spiegato bene e credo che non fosse tuo malgrado. Mi piacerebbe renderti il favore, ma non ho strumenti per sapere come.

Scrivo, come al solito, con la gatta vecia svenuta sul mio braccio sinistro. Le olimpiadi della tastiera.

Settimana pesante, molto piena, con insulti della R** perché non sono voluta uscire.

Domattina sveglia alle sette meno un quarto e lavoro fino alle 4 e mezza e corso di aggiornamento dalle 5 alle 8 all’altro capo della città (peraltro dove abitavo prima) Sono diventata lenta nei recuperi.

Sono diventata lenta punto.

Come ti ho già detto, non vado dove non sono invitata e non mi offendo. Non mi offendo perché vado oltre: mi incazzo direttamente… Ma poi passa.

La verità è che è un piacere scambiare pensieri fulminanti con te, mi stimola e mi mette di buon umore, ma poi davvero penso che quando ci incontreremo di faccia non saprò più come interagire con te. E mi sembra un peccato.

So bene che gran parte di questo post è una divagazione soggettiva su fatti immaginari. Mi piace così.

Quindi smetti di far schioccare quella frusta diamantata vicino al mio orecchio sinistro, non sono una slave, sono una vintage.

E noi vintage siamo un po’ grossier, andiamo direttamente di mazza ferrata.

 

Advertisements

3 thoughts on “A qualcuna in particolare”

  1. Davvero non giri intorno alle cose!!
    Grande.
    Come rinunciare ad un “corteggiamento fantasmagorico fatto di brillante intelligenza, sagacia, accortezza, imprevedibilità”?
    In bocca al lupo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...